Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Efficienza energetica, Assistal: ‘è la prima fonte energetica’

Le imprese chiedono al Parlamento misure per concretizzare il potenziale di risparmio energetico tecnicamente ed economicamente conseguibile

21/01/2019 - Prevedere regimi premianti per gli interventi efficienziali di sistema; stabilizzare l’ecobonus e semplificare il Conto Termico; consentire lo scambio diretto tra gli appartamenti del condominio dell’energia prodotta negli edifici.
 
Sono alcune delle proposte presentate da ASSISTAL - l’Associazione delle imprese specializzate nella progettazione, fornitura, installazione, gestione e manutenzione di impianti tecnologici, fornitura di Servizi di Efficienza Energetica (ESCo) e Facility Management - alla Commissione Attività produttive della Camera, in vista dell’attuazione e dell’adeguamento della Strategia Energetica Nazionale al Piano Nazionale Energia e Clima per il 2030.
 
“In questo contesto - ha affermato Angelo Carlini, Presidente ASSISTAL - l’efficienza energetica deve rappresentare la prima soluzione in assoluto al fine di ridurre le importazioni di energia e le emissioni di gas serra, accelerare la decarbonizzazione e rafforzare la transizione verso fonti energetiche rinnovabili”.
 
L’efficienza energetica è - spiega Assistal - la prima fonte energetica con il migliore rapporto costi-efficacia in grado di garantire grandi potenziali di occupazione e di innovazione in interi settori dell’economia, oltre che una misura di spending review per contenere la spesa energetica di famiglie e imprese.
 
“Pertanto - ha proseguito il Presidente Carlini - è necessaria un’opportuna pianificazione strategica delle misure da implementare per poter concretizzare il potenziale di risparmio energetico tecnicamente ed economicamente conseguibile”.
 

Efficienza energetica, le proposte di Assistal

Sono queste, nel dettaglio, le proposte di Assistal:
1. Prevedere regimi premianti per gli interventi efficienziali concepiti con un approccio di sistema e non legati semplicemente alle singole applicazioni tecnologiche.
2. Accelerare sulla ristrutturazione efficiente degli edifici esistenti, mobilitando finanziamenti e investimenti e favorendo il ricorso ai Contratti di prestazione energetica EPC e il modello ESCo.
3. Rafforzare l’impegno messo in campo attraverso i diversi meccanismi di incentivazione fornendo stabilità al meccanismo dei certificati bianchi, stabilizzando l’Ecobonus e semplificando l’accesso al Conto Termico.
4. Estendere l’obbligo del 3% annuo di ristrutturazione degli immobili della Pubblica Amministrazione a tutti i livelli della PA, così da poter agire su uno stock edilizio più significativo.
5. Favorire lo sviluppo di sistemi efficienti di produzione/consumo di energia dando continuità alle politiche di sostegno per la produzione di energia elettrica da cogenerazione ad alto rendimento e prevedendo la possibilità di scambio diretto dell’energia elettrica prodotta negli edifici tra le unità abitative del medesimo condominio, al fine di consentire una gestione aggregata dei consumi e delle produzioni di energia, analogamente a quanto già avviene nel settore termico
6. Mantenere la posizione dei venditori di energia elettrica e gas separata da quella dell’offerta di servizi di gestione dei consumi, onde evitare che possano prevalere interessi diversi da quelli della committenza e comunque non propriamente in linea con gli obiettivi di efficienza energetica.
 
ASSISTAL auspica che le misure della prossima SEN possano contribuire fattivamente allo sviluppo sostenibile del sistema energetico del nostro Paese evitando norme dagli effetti retroattivi e attribuendo chiare competenze alle diverse Istituzioni operanti sull’Energia così da dare certezza agli operatori e favorire gli investimenti.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la professione Partecipa