Carrello 0
K•LINE, tra storia e innovazione
AZIENDE

K•LINE, tra storia e innovazione

di Liebot Italia

Il futuro delle Smart Home arriva in Italia

12/02/2019 Vi siete mai chiesti che cosa succede ad un marchio presente dopo anni in un’industria in continua evoluzione? Alcuni potrebbero scomparire, soffocati dal flusso innovativo. Altri invece si fanno un nome a livello internazionale, sono conosciuti e rispettati, e diventano un pilastro di riferimento per i sistemi produttivi.

E’ la storia di K•LINE, appartenente al sempre più affermato gruppo Liebot: nata dal savoir-faire francese, K•LINE vanta stabilimenti in tutta Europa ed un’espansione continua, che in più di vent’anni l’ha portata ad essere la prima produttrice di finestre in alluminio. Le tecniche innovative, le idee creative e moderne, il design stuzzicante e la capacità di produrre 2000 serramenti su misura al giorno sono la forza di questo marchio, mentre i prodotti leggeri, piacevoli alla vista e perfettamente isolanti ne sono la firma. L’attenzione ai dettagli e la perizia tecnica di K•LINE hanno dato vita ad un cantiere creativo in continua evoluzione, pronto a sfornare idee che vi lasceranno a bocca aperta.
 
UNA STORIA DETTATA DALLA PASSIONE
A partire dal 1995, K•LINE si presenta come nome che fa la differenza, grazie all’invenzione dell’anta invisibile, che offre il 15% di superficie vetrata in più alla finestra, aumentando l’afflusso di luce naturale e quindi anche il risparmio energetico. Infatti, vengono favoriti tanto la trasmissione luminosa (TL), portata al 68% contro il 52% medio, quanto il fattore solare (g), per il quale l’entrata del calore del sole nella casa è di 0,54 contro lo 0,42 medio.

Oltre a TL e g, riconosciuto dal Regolamento Termico francese del 2012 come una prestazione chiave dei serramenti,  K•LINE dà molta importanza anche alla trasmittanza termica (Uw), il terzo aspetto energetico di un serramento: TL, g ed Uw sono necessari per poter dar vita ad un’architettura bioclimatica, che si distingue per gli apporti solari e per il rispetto dell’ambiente. Proprio come quella alla base delle finestre  K•LINE.
 
K•LINE PER L’AMBIENTE
Oltre a salvaguardare il risparmio energetico,  K•LINE presta attenzione all’ambiente in tutte le fasi del processo produttivo. L’alluminio di cui sono fatte tutte le finestre  K•LINE è un materiale ecofriendly, poiché ottenuto dalla bauxite, una risorsa naturale molto presente sulla Terra, e perché riciclabile al 100%. Il suo processo di trasformazione impiega per il 50% energia elettrica di natura idraulica, riducendo l’impatto ambientale, e rispettando le norme di costruzione ecologiche, in conformità con le direttive del 2012. Inoltre, è un materiale sano e sicuro perché, anche in caso di incendio, non produce emissioni nocive. Le finestre in alluminio a taglio termico si integrano bene all’habitat domestico, sia per il design che per il materiale stesso, che risulta resistente, malleabile e leggero, nonché isolante, adatto a dare finezza e classe alla casa.
 
PRESTAZIONI DA PODIO
Abbiamo parlato di isolamento termico, di prestazioni eccellenti e di una qualità ben oltre la media. Ma cosa rende per davvero le finestre  K•LINE resistenti ed efficienti? I vetri, doppi o tripli, sono ad isolamento termico rinforzato. Il taglio termico è completo, la vetrocamera è con gas argon, e le canaline warm edge chiudono il quadro. Le finestre e anche le porte  K•LINE si distinguono per bassi valori di trasmittanza termica (Uw), che corrispondono a Uw= 1,4 W/(m2K), per le finestre, e a Ud=1,1 W/(m2K) per le porte d’ingresso. Ciò le rende adeguate per le zone climatiche italiane dalla A alle E.
Anche il livello di comfort acustico è notevole (30 - 35 dB per i serramenti), e può raggiungere i 40 dB con i vetri ad isolamento acustico. La permeabilità all’aria delle finestre  K•LINE è in classe A4, il massimo secondo la normativa Europea.
 
UN DESIGN DALLE LINEE SEDUCENTI
Nel 1997, i progettisti di  K•LINE hanno reinventato il concetto di colore, grazie alla bicolorazione. La bicolorazione è una tecnica di impostazione estetica della finestra che permette di avere un colore interno dei profili in alluminio diverso da quello esterno, adattandosi alle esigenze sia di interior design che di conformità agli edifici circostanti. Il colore dà carattere ed identità alla casa e all’edificio, e completa le linee delicate tipiche di  K•LINE. Come per ogni cosa,  K•LINE calcola i dettagli al millimetro, bilanciando tutti gli elementi dei suoi prodotti in un connubio di forme, stili ed elementi compositivi. Dalla precisione, dalla leggerezza e dalla bellezza nascono le finestre e le porte K•LINE, riconoscibili per la finezza, l’utilizzo intuitivo ed ergonomico, di facile maneggevolezza, e la personalizzazione.

K•LINE SMART HOME: IL FUTURO È GIA QUI
L’estro inesauribile dell’inarrestabile cantiere creativo di K•LINE ha iniziato già dal 2016 a percorrere la strada della Smart Home, in risposta al crescente interesse dei consumatori verso l’intelligenza artificiale, specialmente quando si parla di domotica, che permette il controllo elettronico a distanza della propria casa. Le ragioni di tale interesse possono essere diverse, ma essenzialmente tutte legate alla velocità e semplicità di gestione dei propri spazi. Sicuramente, le soluzioni Smart Home facilitano la vita, e per questo K•LINE è stata fin dagli esordi una dei primissimi marchi a rispondere alle nuove esigenze di mercato relative alla domotica.

Grazie alla app K•LINE Smart Home, è possibile infatti controllare a distanza allarme perimetrale, porte, finestre, garage ed oscuranti, essere informati sullo stato di sicurezza della propria casa e gestirla anche da molto lontano e comodamente dai propri dispositivi mobili. Interagire ed essere connessi alla propria casa dà serenità e libertà, perché la app di K•LINE è dotata di reattività immediata ed intelligente. Semplice, rivoluzionaria, accessibile. Anche per la Smart Home, K•LINE offre un servizio efficiente in tempi brevi e democratico, perché dà valore tanto alla qualità quanto al prezzo.
 
Liebot Italia Srl su Edilportale.com
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la professione Partecipa