Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
NORMATIVA Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
MERCATI

Immobiliare, le case più vendute sono in classe energetica bassa

di Alessandra Marra

Report Bankitalia, Agenzia delle Entrate e Tecnoborsa: le unità immobiliari popolari da ristrutturare sono più acquistate delle case nuove in ottimo stato

Vedi Aggiornamento del 30/09/2019
Commenti 2948
Foto: Anton Ivanov ©123RF.com
28/02/2019 – Le case più vendute in Italia sono quelle esistenti, parzialmente da ristrutturare, di tipo economico o popolare e di classe energetica F-G.
 
Questo l’identikit delle abitazioni più acquistate emerso dal Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia, realizzato dalla Banca d’Italia in collaborazione con l’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate e con Tecnoborsa.
 

Immobiliare: quali case si vendono di più?

Il report rivela che le abitazioni in Italia si vendono in 7 mesi circa. Le case vendute sono in larghissima parte libere (è il 95,8% dei casi), quasi sempre già abitabili ma parzialmente da ristrutturare (78,8%), contro il 18,2% di quelle nuove o in ottimo stato.
 
Per quanto riguarda la tipologia catastale, le unità immobiliare di tipo economico o popolare sono quelle prevalenti (61,4%), mentre nel 34,5% dei casi si tratta di immobili di tipo civile o signorile.
 
Sul fronte dell’efficienza energetica oltre la metà delle compravendite riguarda edifici con classe energetica bassa (F-G), il 21% edifici di classe D-E e il 15% quelli di classe A-B-C.
 

Mercato immobiliare: l’andamento dei prezzi

In merito all’andamento dei prezzi, è molto alta la percentuale di operatori che segnalano una sostanziale stabilità dei prezzi di vendita, anche se, rispetto al trimestre precedente, nel periodo ottobre-dicembre 2018 è lievemente diminuita, passando dall’81,7% al 79,7%.
 
Un calo dei prezzi viene evidenziato soprattutto dagli operatori delle aree non urbane del Centro, del Sud e delle Isole. Anche sul fronte delle locazioni i giudizi di stazionarietà restano largamente prevalenti (87,1%).
 
Per quanto riguarda il margine medio di sconto sui prezzi di vendita rispetto alle richieste iniziali del venditore si è passati dal 10,8% al 10,5%. Un lieve calo che si registra anche sulle locazioni, il cui sconto scende 3,5% al 2,9% rispetto al prezzo iniziale.
 
La quota di acquisti finanziati con mutuo ipotecario sale di quasi due punti percentuali rispetto al trimestre precedente, portandosi all’80,5%. Ancora alto il rapporto fra l’entità del prestito e il valore dell’immobile (poco al di sotto del 75%).
 

Immobiliare: le performance delle agenzie

Diminuisce il numero di agenzie che dichiarano di aver venduto almeno un immobile nel trimestre oggetto della rilevazione. Si passa, infatti, dall’80,2% al 77,9% degli operatori intervistati. Risale, invece, la quota di chi ha dichiarato di aver locato almeno un immobile, che tocca il 78,1%.
 
Tra i motivi principali che causano la cessazione dell’incarico a vendere aumenta la mancanza di proposte di acquisto; questo perché si ritiene che il livello delle quotazioni sia ancora troppo alto.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati