Carrello 0
NORMATIVA

Scia e Cila, Garante privacy: ‘no all’accesso civico generalizzato’

di Paola Mammarella
Commenti 2723

Per queste pratiche edilizie non esiste un regime di pubblicità come invece accade per il permesso di costruire

Commenti 2723
26/02/2019 – L’accesso civico generalizzato non è consentito per la Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) e per la Comunicazione di inizio lavori asseverata (Cila). Lo ha affermato il Garante per la protezione dei dati personali con un parere sull’operato di un Comune.
 

Scia e Cila, no all’accesso civico generalizzato

Secondo il Garante, non è possibile accedere ai dati personali completi contenuti nei titoli abilitativi edilizi sulla base di una mera richiesta di accesso civico generalizzato.
 
Il garante ha spiegato che, diversamente da quanto indicato dalla normativa per altre pratiche edilizie, come i permessi di costruire, la normativa non prevede lo stesso regime di conoscibilità per la Cila e la Scia.
 
Nella Cila e nella Scia ci sono una serie di dati personali e tecnici, come data e luogo di nascita, codici fiscali, residenza, e-mail, pec, numeri di telefono fisso e cellulare, documentazione tecnica sugli interventi. Conoscerli potrebbe determinare un’interferenza ingiustificata e sproporzionata nei diritti e nelle libertà dei soggetti controinteressati.
 

Scia e Cila, la richiesta di accesso civico

Il Garante per la privacy si è pronunciato sulla richiesta di accesso civico presentata da un’impresa privata società specializzata nella conduzione di campagne di marketing.
 
Il Comune aveva respinto parzialmente la richiesta di accesso a tutti i dati sulle Scia e le Cila presentate al Comune. Invece della copia completa delle pratiche edilizie, aveva fornito solo una sintesi con dati aggregati, depurati di quelli personali, al fine di non arrecare un possibile pregiudizio alla privacy delle persone interessate.
 
Data la natura dell’impresa che aveva presentato la richiesta di accesso civico, la condotta del Comune è stata considerata corretta dal Garante, che ha aggiunto che chi invece dimostra di avere un interesse qualificato può accedere ai documenti amministrativi completi.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: le tecnologie Partecipa