Carrello 0
Archeologia industriale, ferrovie storiche e centri di ricerca, dove passato e scienza si incontrano
AMBIENTE

Archeologia industriale, ferrovie storiche e centri di ricerca, dove passato e scienza si incontrano

di Paola Mammarella
Commenti 4042

Da Sud a Nord, gli stabilimenti che hanno fatto la storia, alcuni ancora in funzione, visitabili nelle giornate Fai di Primavera

Commenti 4042
18/03/2019 – Vecchi stabilimenti industriali ancora attuali, centri di ricerca, linee ferroviarie dismesse e officine che hanno fatto la storia dell’industria italiana. Oggi sono inglobati in percorsi turistici e saranno aperti sabato e domenica prossima per le Giornate FAI di Primavera.
 
Vediamo qualche luogo da non perdere.
 

Comprensorio Olivetti, Pozzuoli – Napoli

La fabbrica con vista mare è stata realizzata nel 1954 su progetto dell’architetto napoletano Luigi Cosenza. Nel suo discorso inaugurale, Adriano Olivetti affermò “Di fronte al golfo più singolare del mondo, questa fabbrica si è elevata in rispetto della bellezza dei luoghi e affinché la bellezza fosse di conforto nel lavoro di ogni giorno”.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano

Dal 2013 ospita l’Istituto Telethon di Genetica e Medicina.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano
 

Centro di Geodesia Spaziale ASI, Matera

Matera non è solo sassi e capitale della cultura 2019, ma anche scienza e ricerca. Questo centro di rilevanza mondiale è attivo dal 1983.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano
 

Gucci Hub, Milano

Il quartier generale della maison della moda dal 2014 occupa la ex-fabbrica aeronautica Caproni, costruita nel 1915. Nel vecchio hangar, una volta utilizzato per l'assemblaggio dei velivoli, oggi si tengono le sfilate.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano
 

Agenzia Italiana Cooperazione allo Sviluppo, Firenze

L’edificio venne realizzato nel 1941 per ospitare l’Istituto agronomico per l'Africa Italiana, diventato poi Istituto Agronomico per l’Oltremare.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano

Nel giardino è presente una collezione di piante tropicali e subtropicali.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano
 

OMV Squadra Rialzo Milano Centrale

Costruita nel 1931 nell’ambito del progetto della nuova stazione, qui si svolgeva la verifica e la manutenzione dei veicoli con danni lievi.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano
 

Ferrovia Adriatica Sangritana: Officine Lanciano

All’interno delle vecchie officine della ferrovia, realizzata a partire dal 1911, sono consultabili cartoline d’epoca che documentano la costruzione della ferrovia, matrici tipografiche, una piccola biblioteca di settore, riviste ferroviarie e documenti.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano
 

Ferrovia Adriatica Sangritana: Stazione di Piane d'Archi - Chieti

Nell’ambito della ferrovia Sangritana, sulla tratta Archi – Atessa, la stazione di Piane d’Archi è oggi un sito di archeologia industriale. È possibile visitare carrozze degli anni Trenta e cartellonistica d’epoca.
 Foto: Fondo Ambiente Italiano

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Sblocca Cantieri e Decreto Crescita, cosa ne pensi? Partecipa