Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
RISTRUTTURAZIONE Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
PROFESSIONE

Sviluppo sostenibile delle libere professioni, al via il progetto di Confprofessioni

Il presidente Gaetano Stella: ‘contrattazione collettiva, welfare e digitalizzazione sono i motori dello sviluppo’

Vedi Aggiornamento del 03/10/2019
Commenti 2386
07/03/2019 - Peculiarità delle relazioni industriali; natura della conoscenza professionale; rafforzamento del sistema mutualistico parallelo, unicità del modello italiano.
 
Sono i quattro pilastri del dialogo sociale nelle libere professioni in Italia, una best practice europea per cavalcare e diffondere gli effetti positivi della digitalizzazione negli studi professionali attraverso la contrattazione collettiva e il welfare contrattuale.
 
Ma sono anche le colonne portanti del progetto “Social dialogue for sustainability of european professional service firms”, finanziato dalla Commissione europea e presentato il 5 marzo da Confprofessioni al Parlamentino del Cnel a Roma.
 
“Il dialogo sociale ha un ruolo fondamentale per la sostenibilità delle libere professioni in Italia e in Europa - afferma il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella -. Da una parte, infatti, riduce i rischi di esubero in alcuni settori professionali; dall’altra può moltiplicare le opportunità offerte dalla digital revolution. E non è un caso che il seminario sia stato organizzato al Cnel, che rappresenta il luogo istituzionale ideale per rafforzare le relazioni industriali nel settore delle libere professioni, obiettivo che Confprofessioni, Filcams-Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs perseguono da decenni».
 
Davanti a una platea gremita di professionisti provenienti da tutta Italia, i primi risultati del progetto sul Dialogo sociale sono stati presentati di Enrico Tezza, responsabile dei progetti europei di Confprofessioni, e da Alessia Palladino, mentre Andrea Granelli, presidente di Kanso, ha illustrato l’impatto delle tecnologie digitali nelle professioni.
 
E sono proprio gli effetti della digitalizzazione al centro del dialogo tra le parti sociali, con i contributi di Danilo Lelli (Filcams Cgil), Dario Campeotto (Fisascat Cisl), Mauro Munari (Uiltucs) e Francesco Monticelli (Confprofessioni).
 
Da qui emerge il ruolo fondamentale della contrattazione collettiva e del welfare contrattuale per promuovere uno sviluppo sostenibile delle professioni, come hanno sottolineato i referenti regionali di Confprofessioni dell’area giuridica Francesco Mazzella; dell’area economica, Enrico Vannicola, e dell’area tecnica, Fabio Pistella.
 
 
Fonte: ufficio stampa Confprofessioni
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui