Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
AMBIENTE

Il progetto di paesaggio come risposta alle sfide climatiche

di Rosa di Gregorio

Paesaggisti, urbanisti ed architetti firmano la Dichiarazione di Matera: un’alleanza per l’ambiente, il territorio e le comunità

Vedi Aggiornamento del 17/02/2020
Commenti 6655
Jardin des Migrations, Marseille - Foto © Spassky Fischer tratta da: www.mucem.org/
14/05/2019 - La trasformazione dei paesaggi mediterranei e la loro fragilità a causa dei cambiamenti climatici e dei processi di abbandono; i paesaggi che esprimono molto bene l’attuale situazione di incertezza sociale ed economica.
 
Sono stati i temi del convegno nazionale “Mediterranea - Paesaggi Prossimi” che si è svolto lo scorso 10 maggio a Matera, promosso dall’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (AIAPP), una articolata giornata di studio con lectio magistralis e panoramiche progettuali su quattro macro-temi: campagna felix, intelligent water management, paesaggi ludici e il progetto di mobilità dolce.
 

Il paesaggio agrario italiano è ancora una ‘campagna felix’?

L’esigenza di abbandonare il modello di agricoltura industrializzata ormai non più sostenibile, in quanto causa di una continua perdita e diminuzione della risorsa terra, e al contempo l’importanza di recuperare l’eredità storica di uso e cura del paesaggio agrario cosi come tramandato, sono state i punti chiave della lectio magistralis dello scrittore e saggista Piero Bevilacqua, sul paesaggio della biodiversità e i sistemi agrari italiani.
 
Su questo filone il prof. Giuseppe Barbera ha parlato di antropocene, ovvero l’epoca geologica attuale, nella quale all’essere umano e alla sua attività sono attribuite le cause principali delle modifiche territoriali, strutturali e climatiche. Nell’era dell’antropocene il concetto di natura è stato dirottato da risorsa verso il significato di limite. La natura si ribella agli interventi impattanti dell’uomo, a quella visione riduzionista tutta occidentale che ha dato l’illusione di poter assoggettare a proprio piacere la natura rendendo l’uomo incapace di guardare ad essa come un sistema, ha detto Barbera: “bisognerebbe ora più che mai interporre il concetto di ‘agroecologia’ ovvero un cambiamento di paradigma che lascia il riduzionismo per abbracciare la complessità, la visione di sistema”.
 
Qual è dunque il ruolo del paesaggista e come leggere la dimensione mediterranea? È possibile “coltivare” i luoghi storici? Queste sono le domande che ha posto Tessa Matteini, docente di architettura del paesaggio. Ha dato risposta agli interrogativi mettendo in risalto, attraverso esempi, il ruolo chiave ed interpretativo del progetto contemporaneo di paesaggio, come il Jardins des Migrations a Marsiglia un progetto di ispirazione e riflessione sulla migrazione delle piante sempre più verso nord a causa dei cambiamenti climatici che spostano il bacino mediterraneo sempre più verso il nord Europa mentre assistiamo nell’area mediterranea alla crescente perdita di specie native e la sostituzione e convivenza con specie esotiche.
 

Risorsa acqua, dallo spreco alla gestione intelligente

“L’acqua è dappertutto prima che sia da qualche parte; l’acqua che è nella pioggia prima che sia nei fiumi, si assorbe prima che scorra, si diffonde prima che si raccolga, sfuma prima che si chiarisca; acqua effimera, transitoria, incerta, interstiziale, caotica, onnipresente” (Nuradha Mathur e Dilip Da Cunha (2014), Design in the Terrain of Water, Applied Research & Design).
 
Quali sono attualmente i mezzi a disposizione per salvaguardare questa risorsa rispetto alle sfide climatiche? Con i cambiamenti climatici, cambia il progetto di paesaggio? Partendo da questi interrogativi, la prof.ssa Maria Valeria Mininni, il prof. Gianni Celestini e il paesaggista Jean Marc Bouillon hanno portano l’uditorio ad un’interessante riflessione sulla risorsa acqua, tema principale della sessione “Intelligent water management”.
 
L’acqua da sempre è stato elemento strutturante del paesaggio, una trama storica e geografica, “l’acqua non ha forma ma dà forma al paesaggio”. Oggi assistiamo sempre più frequentemente a fenomeni legati all’acqua sempre più straordinari e devastanti allo stesso tempo, dove la natura attacca le città e sembriamo strutturalmente incapaci e impreparati a reagire a questi eventi insoliti.
 
Ma sono proprio insoliti e straordinari? Ha chiesto il prof. Celestini. “Ciò che chiamiamo natura è ciò che è perturbante, nel XIX secolo si credeva che la natura poteva salvare la città, ora dobbiamo salvare la natura che al contempo può essere la nostra salvezza”. Urge la necessità di non leggere più il binomio terra e acqua come conflitto ma bensì come coesistenza. Il progetto di paesaggio è chiamato a non essere finito, ma mutabile, deve prevedere al suo interno l’imprevedibilità, il progetto di paesaggio deve raccontare forme di mutamento poiché il paesaggio non teme il cambiamento essendo esso stesso un suo dato strutturale.
 
La diffusione della cultura che il progetto di paesaggio sia essenziale per le nostre città e che vada considerato in anticipo rispetto alla programmazione e non oltre, è stato fortemente sottolineato dal paesaggista Bouillon nella sua lectio magistralis. Condividendo il suo progetto ‘Takahe Conseil’, ha sottolineato che bisogna ricollegare la città all’ecosistema e bisogna ristrutturare la città in modo che la natura sia un elemento costitutivo di essa, Il paesaggio non può essere più visto come abbellimento della città ma bensì come suo elemento costitutivo e parte fondamentale, il paesaggio come ecosistema al servizio dei quartieri, siano essi urbani, industriali o commerciali in grado di essere un nuovo sistema immunitario delle nostre  città che sappia gestire la risorsa acqua, frenare il surriscaldamento e innescare processi di disinquinamento dell’aria.
 

La città contemporanea: spazi democratici, condivisi, per tutti

“Il gioco è la forma più alta di ricerca” diceva Albert Einstein. “Cosa serve dunque per giocare?”, ha chiesto il pedagogista e ideatore della città delle bambine e dei bambini Francesco Tonucci: “autonomia, tempo libero e uno spazio adeguato. Se si aiuta i bambini ad avere autonomia, saranno in grado di trovare gli altri due elementi”.
 
“Una città democratica è una città che concede il gioco, giocare non si può coniugare con accompagnare ma solo con lasciare, una città vale molto se permette molto, ovvero lascia andare”, ha aggiunto il pedagogo. Ma la città contemporanea rende i bambini autonomi? Il progetto degli spazi della città, paradossalmente deve seguire regole di messa in sicurezza, ma gli spazi della città - secondo il pedagogo - devono permettere dei rischi. La città contemporanea ha perso la dimensione dello spazio del gioco, della libertà, del divertimento, bisogna riappropriarsi di qualsiasi centimetro di superficie che permetta socialità e condivisione, il gioco e le strade devono essere elementi inclusivi della città.
 
Attraverso la presentazione di progetti degli spazi ludici come invito al gioco, la prof.ssa Anna Lambertini e il prof. Manfredi Leone hanno spiegato esaustivamente il concetto di città ludica: spazi urbani fluidi, catalizzatori di energie multietniche e intergenerazionali, per giocare, per esplorare, per muoversi in libertà e sicurezza, per favorire lo sviluppo cognitivo e psico-motorio dei bambini; isole ambientali di controllo microclimatico e qualità dell’aria e dell’acqua; luoghi pensati e per rispondere alle aspettative e alle esigenze dei più giovani che sono anche i più vulnerabili; città amiche dei bambini e degli adolescenti e attraverso loro delle loro famiglie (Gridgrounds di Openfabric ad Amsterdam, Pixel Art di ciclostile studio, il SOU di Favara).
 

La mobilità (lenta) non è solo un’infrastruttura ma un paesaggio lineare

Nel progetto della mobilità, le strade dovrebbero essere viste come progetto di paesaggio: la strada non è una linea che unisce due punti ma è uno spazio, un posto, che viene attraversato. La strada è un luogo simbolico che non parla solo di collegamenti geografici ma che ci racconta di popoli, storie e relazioni. Una cerniera tra paesaggi che costituisce ponti tra le persone e che mette in relazione le economie e ci porta a nuove forme di sviluppo.
 
Cosi Maurits Lopes Cardozo (bike-minded design consulting) nella sua lectio magistralis e Giulio Senes, presidente della European Greenways Association, hanno parlato del progetto di mobilità raccontando il primo l’esperienza dei Paesi Bassi, ormai nazione leader mondiale per la mobilità ciclistica, e il secondo la rete delle greenways europee.
 
 
“Il progetto della mobilità è una grande opportunità per il recupero del patrimonio storico infrastrutturale dismesso, sempre più il recupero di vecchie infrastrutture può rispondere ad nuova domanda sociale” ha concluso Giulio Senes.
 

Visioni future: nuove sfide e nuove opportunità

Il convegno ha fornito nuovi input e nuovi interrogativi, lanciato nuove sfide e posto l’accento su una figura e una professione ancora troppo secondaria in Italia, rispetto al resto d’Europa, che è quella del paesaggista: si pensi che ad oggi ancora molti bandi di gara su temi paesaggistici non prevedono tra i requisiti di ordine tecnico, la figura professionale del paesaggista.
 
Emerge che molto bisogna ancora fare, ma i tempi della natura rituonano fragorosamente, l’attesa non è più accettabile, bisogna pensare ed intervenire in maniera coscienziosa e corretta su questi importanti temi.
 
Consci di questa emergenza, tutte le associazioni ed enti che hanno aderito all’iniziativa a conclusione dei lavori hanno firmato la Dichiarazione di Matera, dichiarando che il paesaggio è patrimonio naturale e culturale diffuso e consolidato dei territori e delle popolazioni, “bene comune” e leva di un responsabile e rinnovato sviluppo economico sostenibile dell’Italia.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Patrycja

Dzień dobry, mam na imię Patrycja i chciałabym zaproponować Państwu stworzenie nowej strony www. Proponujemy bardzo atrakcyjne warunki współpracy i wyręczamy naszych klientów w wielu sprawach. Jeśli są Państwo zainteresowani, to chętnie zaprezentujemy szczegóły naszej oferty. Gwarantuję, że ciężko znaleźć na rynku bardziej atrakcyjną. Bardzo proszę o odpowiedź na adres sprzedaz@densito.pl lub kontakt z działem handlowym pod numerem 792-519-647. Serdecznie pozdrawiam, Patrycja Swat

thumb profile
Peter

edilportale.com is really good

thumb profile
Jenifer

hello

thumb profile
Rosella

Are you trying to find powerful online marketing that doesn't charge a fortune and gets amazing resuts? Sorry to bug you on your contact form but actually that's exactly where I wanted to make my point. We can send your ad copy to sites via their contact forms just like you're reading this ad right now. You can target by keyword or just do mass blasts to websites in any country you choose. So let's assume you want to send a message to all the web developers in the United States, we'll grab websites for only those and post your ad text to them. Providing you're promoting a product or service that's relevant to that type of business then your business will get awesome results! Send an email to paul5268jac@gmail.com to get info and prices

thumb profile
Kancelaria CHF

Dzień dobry, jeżeli Ty sam lub ktoś z Twoich bliskich boryka się z problemami, których źródłem jest kredyt we franku szwajcarskim zaciągnięty kilka lub kilkanaście lat temu, to poświęć, prosimy kolejne 30 sekund na przeczytanie do końca tej wiadomości. Wiemy jak pomóc tym, którzy dali się złapać w pułapkę takiego kredytu. Współpracujemy z najlepszymi kancelariami prawnymi. Od lat skutecznie reprezentują one klientów w procesach sądowych przeciwko bankom, które udzieliły im kredytu we franku szwajcarskim. To najbardziej rozpoznawalne, najskuteczniejsze i najlepiej zorganizowane kancelarie spośród kancelarii specjalizujących się w takich sporach. Warto również podkreślić, że pomimo bardzo wysokiego profesjonalizmu, ceny oferowanych przez nie w tym zakresie usług należą do najniższych na rynku. Pozwól, że pomożemy także Tobie lub Twoim bliskim. Jeżeli zgodzicie się Państwo, to chętnie przybliżymy szczegóły naszej oferty. Wystarczy w odpowiedzi na tego maila podać numer telefonu na jaki będziemy mogli w dogodnym dla Państwa terminie zadzwonić. Pozdrawiamy serdecznie, Zespół Kancelarii CHF tel. 531-288-404

thumb profile
Anna

Dzień dobry, koniec roku to w wielu branżach najbardziej dochodowy okres. Skorzystaj z nadchodzących gorących tygodni - to ostatni moment na takie decyzje. Oferujemy skuteczne i efektywne kampanie e-mail marketingowe. Zapewniamy profesjonalną obsługę i wszystkie elementy konieczne do przeprowadzenia skutecznej kampanii. Jeśli są Państwo zainteresowani szczegółami oferty - proszę o odpowiedź. Skontaktuj się i przedstawię szczegóły naszej propozycji. Anna Sielnicka - tel.: 792-519-647 ania@sendmails.pl

thumb profile
Aly

Hello there, My name is Aly and I would like to know if you would have any interest to have your website here at edilportale.com promoted as a resource on our blog alychidesign.com ? We are updating our do-follow broken link resources to include current and up to date resources for our readers. If you may be interested in being included as a resource on our blog, please let me know. Thanks, Aly

thumb profile
David Lee

私は、現実的で収益性の高いプロジェクトの資金調達に取り組んでいる投資会社で、プロジェクトの実現可能性と再生可能期間に応じて5〜10年の期間にわたって約3.5%ROIのソフトローンで私たちの興味を買います。 ご質問がある場合、またはご希望の場合は、いつでも私にメールを送ることができます。 当社の貸付サービスに関する詳細情報を受け取るため。 あなたの最も早い都合であなたの前向きな反応は非常に高く評価されるでしょう。 -------------------------------------- I represent an investment company working on financing realistic and profitable projects that buys our interest via soft loan of about 3.5% ROI for duration of 5-10 years depending on the project feasibility and renewable tenure applies. You can always drop me an email if you have any questions or you'd like to receive further information about our lending service. your positive response in your earliest convenience will be highly valued.

thumb profile
Hassan

Hi, I was just dropping in a quick line to know, if I could send some great article ideas your way for a guest post at your website ? If you like my suggested ideas, I can then provide you high-quality FREE CONTENT/ARTICLE. In return, I would expect just a favor of a backlink from within the main body of the article. Do let me know if I can interest you with some great topic ideas? Best Regards, Hassan Khan


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa