Carrello 0
Edilizia, nel 2018 boom nel settore degli impianti
IMPIANTI

Edilizia, nel 2018 boom nel settore degli impianti

di Alessandra Marra
Commenti 3821

L’impiantistica è spinta dalle normative sul risparmio energetico e dalla tecnologia domotica

Commenti 3821
28/05/2019 – Il 2018 è stato un anno molto soddisfacente per il mercato dell’impiantistica per l’edilizia in Italia che ha registrato sessantadue miliardi e mezzo di contro-valore, il 3,7% in più dell’anno precedente.
 
A evidenziarlo il quinto “Rapporto congiunturale e previsionale sul mercato italiano dell’installazione impianti in edilizia” realizzato dal Cresme in partnership, tra gli altri, con CNA Impianti.
 

Impiantistica edilizia: i numeri del mercato

Il settore degli impianti ha dimostrato di sapersi innovare e trasformare e così ha progressivamente accresciuto il proprio peso nel comparto delle costruzioni arrivando a contare circa 145mila imprese e quasi mezzo milione di addetti, più di un terzo (il 33,5%) di tutti gli occupati dell’edilizia contro il 27,2% del 2001.  
 
Tale andamento sembra destinato a irrobustirsi ulteriormente nei prossimi anni in quanto comparto impiantistico è quello più vocato all’innovazione e con la maggiore attenzione verso le questioni ambientali e del risparmio energetico.
 
È facilmente prevedibile, inoltre, che il progressivo invecchiamento della popolazione comporti un maggiore ricorso all’impiantistica orientata al comfort, trainata dallo sviluppo della domotica.
 

Impiantistica: prospettive per il futuro

Secondo Carmine Battipaglia, presidente CNA Installazione impianti, per rafforzarsi anche in futuro l’impiantistica edilizia italiana deve pensare a far convergere le singole competenze artigiane in un unico attore trasversale, che cura il sistema di energizzazione all’interno di edifici e all’interno di più stabili. Una convergenza che porterà a una spinta della nostra economia ma anche della nostra cultura energetica, facendoci allineare con i nostri concorrenti europei.
 
Il condominio, infatti, per Battipaglia, sta diventando sempre di più un’azienda e si sta andando a creare la figura di “operatore di condominio” destinato a gestire l’intera energizzazione. Una figura, insomma, che deve saper abbracciare competenze come la gestione del financial, del managing e dei sistemi operativi che oggi la tecnologia mette in campo.
 
“C’è bisogno di una sensibilizzazione per migliorare il rapporto degli utenti con queste nuove tecnologie perché solo attraverso una loro accurata gestione di tale tecnologie possiamo utilizzare la nostra casa e il nostro edificio al meglio” ha concluso Battipaglia.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Leggi i risultati