Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
PROFESSIONE Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
NORMATIVA

Permesso di costruire in sanatoria, quali reati estingue?

di Paola Mammarella

La Cassazione spiega gli effetti del condono sulla violazione delle norme urbanistiche e antisismiche

Vedi Aggiornamento del 06/11/2019
Commenti 25685
Foto: Dmitriy Shironosov © 123RF.com
24/05/2019 – Cosa implica il rilascio del permesso di costruire in sanatoria e quali reati estingue? A questa e ad altre domande risponde la Cassazione con la sentenza 19221/2019.
 

Permesso di costruire in sanatoria, il caso

La Cassazione si è pronunciata sul ricorso presentato dalla proprietaria di un immobile che, dopo aver commesso degli abusi edilizi, aveva ottenuto il permesso di costruire in sanatoria. Nonostante ciò, il Comune l’aveva condannata al pagamento di una multa.
 
Secondo la proprietaria, responsabile dell’intervento, al momento del rilascio del permesso di costruire in sanatoria era stata accertata la doppia conformità urbanistica. Questo significava, a detta della responsabile, l’estinzione di tutti i reati e le violazioni commesse.
 

Permesso di costruire in sanatoria, gli effetti

I giudici hanno spiegato che con l’intervento realizzato erano state violate sia norme edilizie e urbanistiche sia alcune norme per la sicurezza antisismica.
 
Il permesso di costruire in sanatoria, ha affermato la Cassazione sulla base di una serie di analoghe pronunce, comporta l'estinzione dei reati previsti dalle norme urbanistiche, ma non quelli previsti dalla normativa antisismica e sulle opere di conglomerato cementizio.
 
Dato che il permesso di costruire in sanatoria aveva estinto i reati edilizi, ma non quelli derivanti dalla mancata applicazione della normativa antisismica, la Cassazione ha quindi respinto il ricorso della proprietaria.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui