Carrello 0
PROFESSIONE

Equo compenso, anche la Puglia avrà la sua legge

di Rossella Calabrese
Commenti 2965

Approvato in commissione il ddl a tutela dei liberi professionisti

Commenti 2965
10/05/2019 - È stato approvato ieri a maggioranza in Commissione, il disegno di legge della Giunta regionale pugliese in materia di ‘equo compenso’ per le prestazioni professionali rese in esecuzione di incarichi conferiti dall’Amministrazione regionale.
 
Secondo il legislatore regionale - spiega una nota del Consiglio -, il disegno di legge appare quanto mai opportuno, tenuto conto di quanto disposto dalla recente normativa nazionale che ha esteso il principio dell’equo compenso anche ai rapporti professionali con le P.A., in attuazione dei principi di trasparenza, buon andamento ed efficacia delle attività amministrative.
 

Equo compenso per i professionisti in Puglia

L’obiettivo di questo disegno di legge - spiega Enzo Colonna, consigliere per Noi a Sinistra per la Puglia - è quello di riconoscere pienamente il valore sociale ed economico, nonché la dignità delle libere professioni, facendo in modo che i compensi liquidati ai professionisti nell’esecuzione di incarichi agli stessi conferiti dall’Amministrazione regionale siano correttamente determinati, riconoscendo qualità, valore e quantità delle prestazioni richieste.
 
Come a tutti noto, infatti, il mondo delle libere professioni sta attraversando un periodo di grave difficoltà, con la progressiva perdita di prestigio sociale e di quella sicurezza economica che, storicamente, tali attività hanno sempre garantito e provocando, soprattutto tra i professionisti più giovani, un clima di diffusa incertezza e sfiducia sul futuro. Questo quadro è in qualche modo aggravato nel rapporto tra i singoli professionisti e committenti ‘forti’ (quali banche, assicurazioni e, per quel che ci riguarda, pubbliche amministrazioni) che spesso impongono compensi irrisori per le prestazioni rese in proprio favore.
 
Ebbene, con questo disegno di legge, la Regione Puglia (comprese società e aziende dalla stessa vigilate o controllate) si impegna a riconoscere equi compensi ai professionisti che prestano la loro attività in suo favore, conformemente a quanto stabilito negli appositi Decreti Ministeriali che fissano i parametri di riferimento per la loro determinazione, in modo che siano proporzionati al lavoro svolto, oltre che rispettoso della dignità della professione esercitata.
 

Autorizzazioni previo pagamento del compenso

C’è, inoltre, un altro importante punto del disegno di legge: si prevede che, nel caso di prestazioni rese in esecuzione di incarichi professionali finalizzati alla presentazione di istanze, segnalazioni, dichiarazioni e comunicazioni di qualunque tipo ad una pubblica amministrazione del territorio regionale, l’effettivo rispetto della normativa in materia di “equo compenso” rappresenti una condizione indispensabile per la conclusione del procedimento amministrativo e debba essere attestato con apposita dichiarazione rilasciata dal committente.
 
“Sono molto soddisfatto per l’approvazione in Commissione di questo disegno di legge - conclude Colonna -, frutto di una proficua interlocuzione sviluppata, nei mesi scorsi, con l’Assessore proponente, Giovanni Giannini, e con il Direttore del Dipartimento “Mobilità e Qualità Urbana”, Barbara Valenzano, che ringrazio per il lavoro svolto, per la grande attenzione rivolta a questo tema e per aver recepito suggerimenti e sollecitazioni che avevo proposto in fase di elaborazione del testo, nonché per il puntuale e articolato confronto che, sulla proposta legislativa, hanno avuto con tutti gli Ordini e Collegi professionali della Puglia”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Sblocca Cantieri e Decreto Crescita, cosa ne pensi? Partecipa