Carrello 0
AZIENDE

Parapetti in vetro per interni o esterni

di FARAONE

Da Faraone la guida per scegliere consapevolmente il tuo nuovo parapetto in vetro

26/06/2019 - Nella scelta di un parapetto in vetro per interni o esterni ci sono molti aspetti da non sottovalutare. Primi tra tutti la sicurezza, i costi e l'estetica.

Guarda il video
 
Cosa c'è da sapere prima dell'acquisto
Troppo spesso i clienti trascurano la progettazione dei loro ambienti o si affidano a non professionisti del settore, ottenendo in cambio un prodotto non solo non soddisfacente ma soprattutto non sicuro. In fase di progettazione l’intervento di un professionista ti consente di avere un progetto chiaro, in linea con la tua idea iniziale e soprattutto perfetto dal punto di vista della sicurezza. Scegliere di lavorare solo con installatori e rivenditori che rispettano le normative di sicurezza significa quindi avere un parapetto in vetro solido, di alta qualità ed estremamente sicuro.
 
Ecco dunque una breve guida per scegliere consapevolmente il tuo nuovo parapetto in vetro, non solo bello esteticamente, ma anche sicuro e solido.
 
1. Immagina l'effetto finale che vuoi ottenere
È importante avere ben chiaro il risultato finale che si intende ottenere fin da quando si inizia a progettare l’ambiente. Sia che tu stia voglia uno stile minimal o uno più ricercato, una linea pulita o una con componenti bene in vista, una volta che hai in mente l’effetto che fa per te puoi puntare su parapetti esclusivamente in vetro, con borchie a vista, con montanti in metallo o molto altro ancora.
Se hai ben chiaro l’effetto che vuoi ottenere per i tuoi parapetti da interno non ci saranno brutte sorprese ad attenderti una volta completata l’installazione, quando oramai sarà tardi per ripensare il progetto.
 
2. Attenzione alle finiture
Quando si parla di un ambiente interno anche i parapetti in vetro diventano complementi d’arredo. Non sceglieresti mai un oggetto d’arredo con superficialità, allo stesso modo anche il parapetto deve esprimere il concetto di design che vuoi ottenere per il tuo ambiente. Puoi infatti scegli le finiture, le tipologie di bordi, gli elementi in metallo, le colorazioni, ecc.
Avere un progetto già definito nei minimi dettagli è necessario per scegliere le finiture migliori, ottenere un effetto finale perfettamente in linea con le tue esigenze e non incappare in un lavoro non adatto al tuo ambiente.
 
3. Un errore è non dare ascolto ai professionisti
Non sottovalutare il parere di un esperto, ricorda che il parapetto in vetro è certamente un elemento caratterizzante del tuo ambiente, ma non per questo devi trascurarne la solidità o la messa in posa. Affidati dunque ad un architetto che conosca bene le normative di sicurezza e che possa curare ogni aspetto dell’installazione e ad un vetraio / serramentista per un montaggio corretto e sicuro e che sappia suggerirti la personalizzazione ideale. Un professionista preparato è in grado di prevenire il verificarsi di eventi spiacevoli. Un parapetto in vetro installato tenendo conto delle normative è un parapetto che garantisce la tua sicurezza e quella dei tuoi cari.
 
4. Sicurezza del vetro: quale tipologia di vetro è necessario scegliere per essere a norma?

a) Vetro Monolitico Non Temperato
Lo riconosci perchè oltre ad essere un vetro singolo, non presenta nessun film (pellicola per l’accoppiamento delle lastre). Sconsigliamo l’utilizzo di questo tipo di vetro per questioni di sicurezza perchè una sola lastra non può garantire sicurezza.
 
b) Vetro Monolitico Temperato 
Nonostante la tempratura, quindi il processo che riscala e raffredda repentinamente il vetro (da 600° a 300°) per renderlo ben 4 volte più resistente del non temperato. Sconsigliamo l’utilizzo di questo vetro perchè non sufficiente a garantire sicurezza.
 
c) Vetro Stratificato con 2 lastre non Temperato
Gli spessori più comuni sono 10+10 millimetri e 12+12 millimetri a seconda della destinazione d’uso. Suggeriamo questa tipologia di vetro solo ed esclusivamente se il sistema che hai scelto (alluminio + vetro) supera tutte le prove richieste dalla normativa più recente in vigore (UNI 11678:2017).
 
d) Vetro Stratificato con 2 lastre Temperato (oppure una lastra temperata e una indurita)
Gli spessori più comuni sono 8+8 millimetri, 10+10 millimetri e 12+12 millimetri a seconda della destinazione d’uso. È la tipologia di vetro più comune, ma scegliendo sistemi più performante si riesce a ridurre lo spessore del vetro, e quindi risparmiare denaro mantenendo le stesse performance di vetri con spessore superiore.
 
e) Vetro Stratificato con 3 lastre Temperato
Gli spessori più comuni sono 8+8 millimetri, 10+10 millimetri, 12+12 millimetri e 15+15 millimetri a seconda della destinazione d’uso. Si ricorre al sistema con 3 lastre solo in casi specifici richiesti dal direttore dei lavori, come ad esempio Stadi o altri luoghi pubblici ad elevato affollamento.

Nota Bene: Per tutti i vetri stratificati si hanno due tipologie di film, ossia il materiale plastico con cui una volta scaldato si accoppiano le lastre:
– Plastico Morbido: Non ha alcuna resistenza dopo la rottura, quindi se si dovesse verificare la rottura di tutte le lastre (possibilità remota) il vetro del parapetto si adagia.
– Plastico Rigido: Usato per aumentare il livello di sicurezza, perchè nel caso di rottura di tutte le lastre, il vetro del parapetto rimarrà in piedi per resistere ad una spinta che varia dai 40 kg/m agli 80 kg/m
 
Riepilogo: Possiamo quindi suggerirti che il vetro migliore da scegliere, esclusi quelli da “non scegliere” in realtà non esiste. Esiste invece il giusto vetro per il sistema che sceglierai di adottare, che può impattare enormemente sulle performance e sulla sicurezza dell’ambiente che stai realizzando. Il sistema scelto + vetro inserito ha un’importanza del 99% rispetto alla scelta del solo vetro. Questo perchè è il sistema che deve superare la prova e il solo vetro.
 
5. Assicurati di rispettare le normative vigenti
Per essere certo di aver scelto un prodotto sicuro e a norma affidati alle Istruzioni del Consiglio Nazionale delle Ricerche, alle normative UNI 7697 e UNI 11678, che sono aggiornate a Settembre 2018. 

Assicurati quindi che il tuo fornitore abbia seguito l’aggiornamento della normativa e non lasciarti fuorviare dagli articoli che puoi trovare in rete perché potrebbero riportare riferimenti a norme non più in vigore o superate.

Noi stessi, in azienda, abbiamo effettuato innumerevoli test per essere certi che i nostri parapetti in vetro siano perfettamente a norma e per poter assicurare ai nostri clienti la sicurezza assoluta del prodotto che hanno scelto.

FARAONE su Edilportale.com
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa