Carrello 0
NORMATIVA

Sblocca Cantieri, le misure bloccate dallo stallo nel Governo

di Paola Mammarella
Commenti 3511

Oltre alla riforma del Codice Appalti, in bilico deroga alle distanze tra edifici, opere contro il dissesto idrogeologico e lavori in zona sismica

Vedi Aggiornamento del 11/06/2019
Commenti 3511
04/06/2019 – In bilico le misure dello Sblocca Cantieri. Quelle più a rischio sono le modifiche al Codice Appalti, contenute nell'articolo 1, che potrebbero essere spazzate vie dall’emendamento della Lega. Ma considerando che il tempo per la conversione in legge stringe, dagli esiti dei disaccordi all'interno del Governo dipendono tutte le misure per lo sblocco dei lavori e il rilancio dell’economia.
 
Il termine per la conversione del DL Sblocca Cantieri scadrà il 17 giugno. Giorni in cui, oltre a superare l’impasse creatasi in Senato, il testo del ddl dovrebbe affrontare anche l’esame della Camera dei Deputati. Stamattina il Senato avrebbe dovuto proseguire l’esame del testo, ma la discussione è stata rinviata a domani mattina.
 
Ieri sera i relatori hanno presentato altri emendamenti. Uno servirebbe a regolamentare i contratti per la progettazione e realizzazione degli interventi di efficientamento degli edifici pubblici. Tra le altre misure proposte dai relatori spiccano poi i finanziamenti per l’installazione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche e la realizzazione di opere contro il dissesto idrogeologico in Centro Italia.
 

Efficientamento energetico degli edifici pubblici

I contratti per la progettazione e realizzazione di interventi di riqualificazione energetica degli edifici pubblici (servizio di prestazione energetica) potrebbero entrare nel Codice Appalti. La proposta, contenuta in un emendamento dei relatori (1.900) prevede che la progettazione sia essere articolata in un unico livello, quello della fattibilità tecnica ed economica, nel rispetto delle linee guida dell’Enea sugli Energy performance contract (Epc) per gli edifici e dei Criteri ambientali minimi (CAM).

Trattandosi di una modifica al Codice Appalti, contenuta nell'articolo 1, la sorte dell'emendamento sarà determinata, oltre che dal normale dibattito parlamentare, dal terremoto politico in atto. 
 

Opere contro il dissesto idrogeologico

Con l’emendamento 24.0.851, i relatori propongono lo stanziamento di 100 milioni di euro, a valere sul Fondo per le emergenze nazionali, per proseguire la realizzazione degli interventi sui dissesti idrogeologici nelle quattro Regioni colpite dagli eventi sismici del 2016. Ieri sera, però, la Commissione Bilancio ha chiesto la relazione tecnica, ma soprattutto la verifica dell’effettiva disponibilità del Fondo emergenze.


Infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici

I relatori hanno presentato anche un altro emendamento (4.852) che stanzia 30 milioni di euro per il 2019 per la realizzazione del piano infrastrutturale per la ricarica dei veicoli a energia elettrica. Un decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da approvare entro 30 giorni dalla conversione in legge, dovrebbe assegnare le risorse ad interventi immediatamente realizzabili. Le risorse dovrebbero essere attinte dal Fondo per lo sviluppo del capitale immateriale, della competitività e della produttività, istituito dalla Legge di Bilancio 2018 (comma 1091).
 

Distanze e lavori in zona sismica, il tempo stringe

Ci sono poi altre misure, discusse nei giorni scorsi e già presenti nel testo del Decreto Legge approdato in Senato, che potrebbero cadere nel vuoto dato l’approssimarsi del termine per la conversione in legge.
 
Una delle maggiori novità che lo Sblocca Cantieri sta cercando di inserire è il sistema derogatorio alla normativa sulle distanze tra edifici.
 
Fiato sospeso anche per lo snellimento delle procedure da seguire per aprire cantieri nelle aree a rischio sismico.
 
Per capire la sorte delle misure bisognerà valutare l’evolversi del dialogo tra le parti politiche.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Leggi i risultati