Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, apre oggi la prima fiera online dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, apre oggi la prima fiera online dell’edilizia
PROFESSIONE

Equo compenso, atteso a metà giugno il tavolo ministeriale

di Rossella Calabrese

Il Ministero della Giustizia rivedrà la normativa con la collaborazione di Ordini e Collegi professionali

Vedi Aggiornamento del 17/06/2020
Commenti 8604
Foto: facebook.com/ministerodellagiustizia
03/06/2019 - Si allungano i tempi per la revisione della disciplina sull’equo compenso. Il tavolo tecnico annunciato due mesi fa dal Sottosegretario alla Giustizia con delega alle professioni, Jacopo Morrone, nell’incontro con i Consigli Nazionali degli Ordini e dei Collegi professionali, si insedierà a metà giugno.
 

Equo compenso, la revisione delle norme

Il Sottosegretario Morrone, a novembre 2018, assicurò agli Ordini e Collegi professionali che entro maggio 2019 sarebbero stati messi a punto alcuni provvedimenti finalizzati a migliorare le condizioni di lavoro dei professionisti.
 
In particolare, il Sottosegretario espresse l’intenzione di legiferare per l'effettiva applicazione del principio dell’equo compenso e di rivedere le norme che regolano le procedure elettorali degli Ordini e Collegi professionali.

L’incontro si concluse con un appuntamento a gennaio 2019 per individuare, entro il mese di maggio, i provvedimenti specifici da porre all’attenzione del Governo e del Parlamento. Nel frattempo, gli Ordini e Collegi professionali avrebbero inviato le richieste e le proposte già elaborate sulle tematiche oggetto di interesse delle specifiche categorie.
 

Equo compenso, in aprile l’impegno di tre Ministeri

Il 2 aprile, il Sottosegretario Morrone ha nuovamente incontrato i rappresentanti dei Consigli Nazionali degli Ordini e Collegi professionali, impegnandosi ad attivare un tavolo tecnico al fine di arrivare a un perfezionamento organico della misura dell’equo compenso.
 
“Da subito un tavolo tecnico al Ministero - scriveva ad aprile Morrone su Facebook - per eliminare criticità ed assicurare ai liberi professionisti, soprattutto i più giovani, un compenso minimo garantito e permettere così di avviare o svolgere in modo onesto e professionale la propria attività a servizio dei cittadini”.
 
“L’equo compenso - aggiungeva nelle stesse ore la Rete Professioni Tecniche - è divenuto legge nel 2017. I lavori del costituendo tavolo tecnico partiranno dall’esigenza di rafforzare l’istituto dell’equo compenso, con l’obiettivo di estenderne l’efficacia a tutti i rapporti attualmente non inclusi, e attivando misure di monitoraggio sulla sua effettiva applicazione, sia in ambito pubblico che privato”.

Il giorno dopo, il 3 aprile, anche il vicepremier e Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro e Politiche Sociali, Luigi Di Maio, prometteva alle associazioni dei professionisti che avrebbe “esaminato quanto prima la norma dell’equo compenso, partendo dall’aggiornamento dei parametri giudiziali fino a un compenso dignitoso per tutti i professionisti”. A quella riunione non sono seguiti nuovi incontri tra le associazioni firmatarie e il Ministro del Lavoro.

 

Equo compenso, i ddl in Parlamento

Intanto, in Parlamento giacciono almeno tre disegni di legge sul tema: il ddl 620 in materia di equo compenso e di responsabilità professionale nell'esercizio delle professioni regolamentate, presentato alla Camera nel maggio 2018 dalla deputata FI-BP Claudia Porchietto, il cui testo non è stato ancora diffuso, il ddl 326 che propone la reintroduzione delle tariffe, presentato dal senatore FdI Stefano Bertacco, il cui esame non è ancora iniziato, e il ddl 1216 in materia di equità del compenso e responsabilità professionale delle professioni regolamentate, presentato dalla senatrice Roberta Toffanin (FI-BP), da assegnare.
 

Equo compenso, l’attività delle Regioni

Molto dinamica è, invece, la situazione a livello regionale: le Regioni stanno, infatti, legiferando per la tutela del lavoro professionale. Si registrano diverse leggi che vincolano il rilascio dei titoli abilitativi al pagamento delle parcelle: le ultime in ordine di tempo sono quelle ancora in itinere del Molise e della Puglia e quelle già vigenti nel Lazio, in Campania, in Basilicata e in Calabria.
 
A queste norme, si aggiungono quelle sull’equo compenso vero e proprio, come quella della Toscana che sta lavorando ad una norma sul giusto compenso delle prestazioni erogate dai professionisti nei confronti sia della pubblica amministrazione che dei privati.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui