Carrello 0
PROFESSIONE

Equo compenso, i tecnici temono una marcia indietro con lo Sblocca Cantieri

di Paola Mammarella
Commenti 3383

Presidente Zambrano (RPT): ‘nel testo manca una norma sull’applicazione obbligatoria del DM Parametri’. Preoccupazione anche sull’appalto integrato

Vedi Aggiornamento del 21/06/2019
Commenti 3383
12/06/2019 – Nel testo dello Sblocca Cantieri manca una norma sull’applicazione obbligatoria del DM Parametri. Lo ha sottolineato Armando Zambrano, presidente della rete delle Professioni Tecniche (RPT) intervenendo in audizione in Commissione Ambiente alla Camera.
 

Sblocca Cantieri e equo compenso

Secondo Zambrano, il rischio che potrebbe crearsi è quello di tornare indietro, ad un’epoca caratterizzata da “sentenze fantasiose”, come quelle che hanno tentato di dirimere il “caso Catanzaro”, in cui il Comune chiedeva la redazione del Piano strutturale Comunale, prevedendo come compenso per il progettista la cifra simbolica di 1 euro, o quella che ha ritenuto i parametri indicati nel DM 17 giugno 2016 una base di riferimento non obbligatoria.
 
Zambrano ritiene che questi casi abbiano portato ad una presa di coscienza e ad una mobilitazione sull’equo compenso. Dopo la richiesta di una legge nazionale sull'equo compenso da parte dei Presidenti dei Consigli Regionali e di Fondazione Inarcassa, le rassicurazioni sull'esame immediato della norma del vicepremier e Ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, e l'impegno di un tavolo sul compenso minimo garantito, preso dal Sottosegretario Jacopo Morrone, i professionisti hanno ottenuto nuovamente dal Governo la promessa di un tavolo tecnico entro metà giugno.

Nel frattempo che si giunga ad una conclusione definitiva sull'equo compenso, a detta di Zambrano sarebbe necessario ribadire, nel testo dello Sblocca Cantieri, l’obbligo di determinare il compenso dei professionisti da porre a base di gara, sulla base del DM Parametri.
 

Sblocca Cantieri e appalto integrato

Ormai dovrebbe essere definitivamente accertato che l’appalto integrato sarà liberalizzato fino al 2020.
 
“Capiamo le esigenze di semplificazione e accelerazione – ha affermato Zambrano - ma affidare la progettazione alle imprese implica un aumento dei tempi e dei costi”. 

RPT ha quindi presentato due proposte per mitigare l’impatto del ritorno dell’appalto integrato. Una è affidare all’ATI progettista impresa la realizzazione dei lavori sulla base di una relazione metodologica che consenta di valutare il progettista. L’altra è “pensare ad un preliminare spinto approvato dalla PA, lasciando al progettista il progetto definitivo ed esecutivo” ha spiegato. In questo modo, il progettista non dovrebbe assumersi “la responsabilità di cambiare progetto definitivo fatto male”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Leggi i risultati