Carrello 0
NORMATIVA

Piano Casa Puglia, sarà modificato e inserito nella Legge sulla Bellezza

di Paola Mammarella
Commenti 2565

In arrivo a breve anche una circolare esplicativa sul Regolamento edilizio tipo

Commenti 2565
12/07/2019 – Il Piano Casa della Puglia sarà modificato e inserito nella Legge sulla Bellezza. Lo ha annunciato l’Assessore regionale all’Urbanistica, Alfonso Pisicchio, durante un incontro con i rappresentanti dell’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), dell’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) e degli Ordini professionali.
 
L’incontro è avvenuto dopo una serie di richieste di chiarimenti degli operatori e l’impugnativa della norma da parte del Consiglio dei Ministri per una presunta causa di illegittimità costituzionale.
 

Piano Casa Puglia, l’impugnativa

Secondo il Governo, la norma, nell’interpretare una precedente disposizione regionale, consente interventi edilizi in deroga agli strumenti urbanistici vigenti. Derogando al principio della irretroattività delle norme, viola gli articoli 3 e 97 della Costituzione sul piano della ragionevolezza.
 
Sotto accusa l’articolo 2, in base al quale “l'intervento edilizio di ricostruzione da effettuare a seguito della demolizione di uno o più edifici a destinazione residenziale o non residenziale, può essere realizzato anche con una diversa sistemazione plano-volumetrica, ovvero con diverse dislocazioni del volume massimo consentito all'interno dell'area di pertinenza”. L’Esecutivo ritiene che non si tratti di una norma interpretativa, ma di una disposizione con carattere innovativo.

SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL PIANO CASA IN PUGLIA
 

Piano casa Puglia, in arrivo le modifiche

L’Assessore Pisicchio ha promesso modifiche di concerto con Comuni e ordini professionali prima dell’approdo finale in Consiglio regionale, da effettuare in tempi rapidissimi.
 
“Nato e pensato come strumento edilizio – ha scritto Pisicchio sulla sua pagina Facebook - il Piano Casa negli ultimi periodi è stato da alcuni interpretato come uno strumento urbanistico, aprendo di fatto ad interpretazioni più o meno elastiche e difformi al principio ispiratore della norma nata nel 2009. Ecco perché a nostro avviso, risolta questa situazione relativa al recente passato, il Piano Casa dovrà poi essere strutturato e inserito nella istituenda Legge sulla Bellezza evitando le incertezze applicative. È finito il momento della precarietà. Occorre dare regole certe ai Comuni”.
 

Puglia, presto la circolare sul RET

Durante l’incontro, l’Assessore Pisicchio ha annunciato anche che la Regione ha deciso di predisporre una circolare esplicativa sul tema del Regolamento edilizio tipo (RET). La circolare sarà diramata a tutti i Comuni per rispondere alle incertezze interpretative sino ad oggi riscontrate. 

Ricordiamo che la Puglia è stata la prima Regione a recepire il Regolamento edilizio tipoin linea con i tempi previsti dall’Intesa nazionale, con la Delibera 554/2017I Comuni avrebbero dovuto adeguarsi entro il 15 novembre 2017, ma date le difficoltà incontrate dagli Uffici tecnici, è stata riconosciuta una proroga fino al 31 dicembre 2017. Qualche difficoltà però permane, tanto da rendere necessaria una circolare esplicativa.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa