Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Tettoie, serve il permesso di costruire?
NORMATIVA Tettoie, serve il permesso di costruire?
LAVORI PUBBLICI

Adeguamento sismico nelle scuole, in arrivo 58 milioni di euro

di Alessandra Marra

Pubblicato in Gazzetta il decreto che approva i piani regionali. Aggiudicazioni entro il 10 agosto 2020

Vedi Aggiornamento del 02/09/2019
Foto: Brian Guest ©123RF.com
27/08/2019 – In arrivo 58 milioni di euro per finanziare interventi di adeguamento antisismico nelle scuole.
 
È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 30 aprile 2019 con cui sono stati approvati i piani regionali per un valore complessivo pari ad euro 58.111.670,63 a valere sulle risorse di cui al Fondo ex protezione civile, annualità 2018-2021.
 

Antisismica scuole: le risorse a disposizione

Le regioni con i maggiori stanziamenti sono: la Lombardia con circa 10 milioni di euro per 11 interventi, la Campania con circa 8 milioni per 3 interventi e la Sicilia con più di 7 milioni di euro per 4 progetti.  
 
Le somme residue non utilizzate dalle regioni, rispetto agli importi assegnati con il DM 93/2019, resteranno nella disponibilità delle singole regioni, per essere successivamente utilizzate insieme ad altre eventuali economie per finanziare ulteriori interventi aventi le medesime finalità.
 

Antisismica scuole: i termini

Gli enti locali beneficiari dei finanziamenti sono tenuti ad effettuare la proposta di aggiudicazione degli interventi entro e non oltre dodici mesi dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta, ovvero entro il 10 agosto 2020.
 
La durata dei lavori non deve eccedere i due anni dall'avvenuta aggiudicazione definitiva dell'intervento.
 
Le regioni e gli enti locali beneficiari dovranno inserire gli interventi e ad aggiornare lo stato di avanzamento degli stessi sulla piattaforma WebGIS «Obiettivo Sicurezza delle scuole» del Dipartimento della protezione civile.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui