Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
NORMATIVA Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
AZIENDE

La Barts Medical School di Gozo firmata Tecnostrutture

di Tecnostrutture

Come un’attenta organizzazione logistica e contenuti tempi di realizzazione garantiscono il successo di un progetto internazionale?

04/09/2019 - È pronta ad accogliere i primi studenti la Barts Medical School di Gozo (Malta), la scuola di medicina della prestigiosa Queen Mary University of London

Per questo importante cantiere Tecnostrutture ha fornito, tra luglio e ottobre 2018, pilastri PDTI®, travi NPS® BASIC e solai Airfloor®.
Si tratta di un’opera innovativa che andrà a far parte del complesso ospedaliero di Victoria, capoluogo dell’isola di Gozo, nel più ampio progetto di realizzazione di un campus universitario affidato alla gestione della Barts of London and the London School of Medicine and Dentistry.
 
 
 
La portata del progetto
Per un edificio 8.100 metri quadri, composto da cinque piani fuori terra, compreso quello di copertura, Tecnostrutture si è occupata del calcolo del corpo A e di 6.367 mq di montaggio.
 
La Barts Medical School è un’opera all’avanguardia che include un auditorium da 150 posti, due laboratori informatici capaci di ospitare fino a 140 studenti, un atrio dedicato alle conferenze per 125 alunni, una biblioteca di 250 mq, diverse sale di simulazione e molte altre strutture ancora.
 
 
 
Fornitura Tecnostrutture
Dal punto di vista strutturale, il corpo A della scuola di medicina di Gozo è costituito da impalcati con travi NPS® di tipo misto acciaio-calcestruzzo e solai Airfloor®, tutti elementi autoportanti già in prima fase, ovvero durante il getto di completamento.
 
La struttura portante dell’edificio di nuova costruzione è costituita da:
  • Pareti in calcestruzzo armato che resistono a forze orizzontali e verticali.
  • Colonne miste acciaio-calcestruzzo PDTI® pendolari con un diametro di 508 mm e i pilastri in falso che nascono al quinto livello con un diametro di 355mm.
  • Orditure orizzontali dei cinque livelli fuori terra, con travi NPS® BASIC sottosporgenti e il solai Airfloor®.
  • Solai sono collegati fra di loro da pilastri svincolati a momento.
 
 
I vantaggi del sistema NPS® AIR
L’organizzazione logistica dell'opera è stata un elemento critico da gestire fin da subito. Questo non solo a causa della distanza dei siti produttivi, ma anche per la dislocazione sull’isola minore della Repubblica di Malta, posizionata al centro del Mar Mediterraneo, a circa 100 chilometri di distanza dal porto italiano più vicino dal quale non è collegata direttamente, ma solo attraverso l’isola principale.
 
Grazie al proprio know how, Tecnostrutture ha saputo fronteggiare questa difficoltà e come riporta Alessandro Baldo, Responsabile dei montaggi NPS® “In un’area così particolare la leggerezza dell’innovativo solaio Airfloor, brevettato da Tecnostrutture, è stata la scelta ideale, facilitando sia il trasporto che il montaggio“.
 
Il sistema NPS® AIR è stato quindi scelto dal Committente come soluzione sismoresistente e autoportante dati i tangibili vantaggi.
 
  • Tempi di realizzazione ridottissimi, grazie a una velocità di assemblaggio e montaggio di soli 22 giorni lavorativi per l’intera struttura NPS®. Il sistema di Tecnostrutture ha permesso che la costruzione della Barts Medical School di Gozo, la posa e il getto, avvenissero senza l’utilizzo dei puntelli e delle travi a spessore. Ciò ha consentito alle strutture di essere calpestate fin dal giorno successivo al getto e quindi la sovrapposizione delle fasi di lavoro, attività non possibile con un sistema tradizionale.
  • Leggerezza che ha permesso una sensibile riduzione del carico sulle fondazioni e sui setti in calcestruzzo, grazie a travi e pilastri NPS® che garantiscono un ottimo comportamento statico e la corretta capacità dissipativa richiesta all’opera per assicurare una riposta in caso di eventi sismici, anche durante il cantiere.
  • Il peso contenuto degli elementi ha consentito un minore numero di mezzi per il trasporto, facilitando le operazioni di imbarco e, non di meno, riducendo le emissioni di CO2 nell’ambiente.

 Tecnostrutture su Edilportale.com
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Partecipa