Carrello 0
NORMATIVA

Ecobonus, Finco: ‘ripristinare il 65% per infissi e schermature solari’

di Rossella Calabrese

La Federazione chiede anche di eliminare split payment e ritenuta di acconto dell’8%

Vedi Aggiornamento del 14/01/2019
10/01/2019 - Con la conversione in legge del DL Semplificazione, il Parlamento dovrebbe cogliere l’occasione per ripristinare le detrazioni fiscali del 65% per infissi e schermature solari ed eliminare split payment e ritenuta di acconto dell’8% sull’ecobonus.
 
La pensa così FINCO, la Federazione Industrie Prodotti Impianti Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni e la Manutenzione, audita dalle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato sul DL Semplificazione.
 

Infissi e schermature solari, ritorno all’aliquota del 65%

Secondo Finco, “è importante avere il coraggio di cambiare rotta con misure espansive oltre che di sostenibilità ambientale. All’ articolo 1, comma 67, della Legge di Bilancio 2019 viene prevista la proroga per un anno delle detrazioni fiscali per l’efficienza energetica, con percentuali differenziate a seconda della tipologia di intervento prescelto”.
 
“In particolare, forse per la tempistica estremamente rapida di approvazione della Legge di Bilancio - prosegue Finco -, il Parlamento può non avere adeguatamente valutato i risultati, attesi ma non per questo meno clamorosi, del Dossier recentemente elaborato dal Servizio Studi dei Dipartimenti Ambiente e Finanze della Camera dei Deputati in collaborazione con il Cresme”.
 
Secondo Finco, “il dato che emerge non può essere aggirato: un saldo positivo per il Paese di 23,5 miliardi di euro nel decennio! E poiché la principale problematica sollevata circa il mantenimento della detrazione fiscale per la riqualificazione energetica del 65% per infissi e schermature (ora abbattuta al 50%, cioè allo stesso livello degli interventi per le ristrutturazioni edilizie ‘semplici’) è sempre stata quella relativa al supposto nocumento per il gettito erariale, la Federazione ritiene sia una imperdibile occasione per riconsiderare la questione”.
 
“Con l’abbattimento al 50% di sole due tipologie di intervento di riqualificazione energetica, ponendole alla stregua di quelle per le ristrutturazioni edilizie - spiega la Federazione -, si confondono le idee circa una misura il cui successo è attribuibile, nel tempo, anche alla chiarezza del dispositivo (se poi fossero malauguratamente confermati i tetti di spesa ammissibili per metro quadrato, si favorirebbero da un lato prodotti esteri di minore qualità e, dall’altro, il ritorno almeno parziale del nero). Non solo, si ingenera confusione nella valutazione della convenienza dell’intervento da parte del consumatore stante il diverso grado di complessità insito nelle due differenti procedure di richiesta della detrazione”.
 

Ecobonus, via lo split payment e la ritenuta di acconto dell’8%

Finco ricorda che il meccanismo dello split payment comporta, oltre ad una complicazione procedurale, un incremento importante del credito IVA a carico delle imprese, il cui rimborso è talvolta problematico e comunque tale, nei tempi, da configurare un grave squilibrio finanziario delle imprese in genere, e di quelle del settore delle costruzioni in particolare.
 
“Tale rilevante perdita - diciamo anche sottrazione - di liquidità colpisce in particolare le piccole e medie imprese che rappresentano, peraltro, la maggior parte delle 13.000 associate alla Federazione FINCO. Poiché la ratio del provvedimento è quella di combattere l’evasione, FINCO ritiene ora tale previsione - purtroppo prorogata - assolutamente ultronea rispetto all’accennata esigenza di contrastare l’evasione, stante il generale obbligo di fatturazione elettronica introdotto nel nostro Paese a partire dal 1° gennaio 2019”.
 
Analoga riflessione viene fatta da Finco in relazione al vigente obbligo della ritenuta dell’8% sulle spese di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica (viene trattenuto un ammontare pari all’8% a titolo di acconto dell’imposta sul reddito dovuta dai beneficiari, con obbligo di rivalsa, nel momento in cui vengono accreditate le somme nelle banche o alle Poste italiane S.p.A.).
 
Anche in questo caso - secondo la Federazione - l’introduzione vincolante ed erga omnes della fatturazione elettronica fa venire meno una delle principali motivazioni della ritenuta, rimanendo solo quella di anticipo di cassa a favore dello Stato sui futuri ricavi (se ce ne saranno!) delle imprese.
 
“In definitiva, il permanere di meccanismi quali lo split payment e la ritenuta d’acconto sull’8% in presenza della fatturazione elettronica configurerebbe la mera ed unica volontà da parte dello Stato di incamerare anticipazioni sulle legittime e costituzionalmente protette attività aziendali, disinteressandosi di ogni altra conseguenza, essendo venuta appunto meno la ragione principale alla base delle misure in parola”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
La domotica, quali risvolti sociali ed economici per le famiglie? Leggi i risultati