Carrello 0
PROFESSIONE

Laurea per geometri, in Basilicata un nuovo percorso universitario

di Alessandra Marra

La laurea triennale sperimentale a orientamento professionale sarà operativa dall'anno accademico 2019-2020

11/01/2019 – Cresce il numero degli atenei italiani, in collaborazione con la rete territoriale degli istituti tecnici, in cui sarà possibile conseguire la ‘laurea per geometri’; l’ultimo corso accademico attivato è stato, infatti, con l’Università della Basilicata.
 
Ad annunciarlo con soddisfazione il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) che prevede l’esordio della laurea triennale sperimentale a orientamento professionale in “Tecniche per l’edilizia e la gestione del territorio” (classe L-23 “Scienze e tecniche dell’edilizia”) il prossimo anno accademico (2019-2020).
 

Laurea per geometra: le caratteristiche del nuovo corso

Il nuovo corso di laurea sperimentale ad orientamento professionale è caratterizzato da un percorso formativo direttamente riconducibile alle esigenze del mercato del lavoro: ha l’obiettivo di formare una figura tecnico specialistica altamente qualificata, con una attitudine all’uso delle moderne tecnologie, in grado di rispondere alle richieste espresse dal settore dell’edilizia e delle infrastrutture civili e rurali e della gestione del territorio.
 
Il CNGeGL ha sottolineato come il nuovo corso di laurea preparerà i geometri sia nell'ambito dell'esercizio della libera professione, sia all’interno di imprese, studi professionali, società di ingegneria, enti locali e pubbliche amministrazioni.
 
I Geometri precisano che il diploma di laurea dell’Università della Basilicata non è ancora abilitante ma hanno sottolineato il loro impegno affinché sia approvato, nel più breve tempo possibile, il disegno di legge che prevede la riforma delle lauree.
 

Laurea per geometra: la proposta di legge nazionale

Ricordiamo che il primo giorno di lavori della nuova Legislatura, il 23 marzo 2018, è stata presentata, dalla Senatrice Simona Flavia Malpezzi, la proposta di legge sulla ‘Laurea del Geometra’ che attende di essere assegnata alla commissione competente.
 
La proposta riprende un percorso già avviato nel settembre 2016 quando, sempre a firma della Malpezzi, il testo di riforma del percorso di accesso alla professione di geometra era stato presentato alla Camera dei Deputati. Il cammino del ddl era, però, stato interrotto dalla fine della Legislatura.
 
Il ddl prevede che per accedere alla professione di geometra sarà obbligatorio il possesso della laurea triennale conseguito dopo uno specifico corso di laurea di natura professionalizzante, cioè contenente insegnamenti e attività formative in grado di far acquisire le competenze per l’esercizio della libera professione e la padronanza dei metodi scientifici generali.
 
Il corso di laurea sarà abilitante. Questo significa che l’esame finale del diploma di laurea sarà equiparato ad un esame di stato. Dopo averlo sostenuto, i laureati triennali saranno abilitati all’esercizio della professione di geometra.
 
Il tirocinio sarà quindi svolto all’interno del corso di laurea e dovrà avere una durata almeno semestrale. Denominazione, classe di appartenenza, obiettivi formativi e ordinamento didattico del nuovo corso di laurea saranno definiti con un decreto ministeriale ad hoc entro tre mesi dall’approvazione della legge.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
La domotica, quali risvolti sociali ed economici per le famiglie? Leggi i risultati