Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto, dal 1° novembre via il tetto del 50%
NORMATIVA Subappalto, dal 1° novembre via il tetto del 50%
AZIENDE

Rischio sfondellamento diffuso: come intervenire? Intervista a Sicurtecto Srl

di Sicurtecto

Sicurtecto Srl, che studia il fenomeno dello sfondellamento da oltre 30 anni, fornisce le linee guida ai professionisti su come intervenire correttamente

01/10/2019 - Negli ultimi anni si è assistito ad un continuo aumento dei casi di cronaca riguardanti il fenomeno dello sfondellamento. Le situazioni in cui i professionisti si trovano a dover gestire crolli improvvisi sono sempre più frequenti.

Oltre a danneggiare gli immobili, lo sfondellamento rappresenta un pericolo per le persone che vivono gli edifici e per chi li gestisce. Mettere in sicurezza i solai diventa la priorità ed è necessario saper evitare interventi inutili e soluzioni palliative o tampone, che non sono in grado di garantire la sicurezza nel tempo.

È necessario scegliere soluzioni efficaci che, attraverso interventi specializzati, garantiscano la massima sicurezza in via definitiva.
Per analizzare meglio il fenomeno e comprenderne i rischi, è stato intervistato il responsabile Ricerca & Sviluppo di Sicurtecto Srl, l’azienda che da oltre 30 anni studia ed approfondisce le vulnerabilità dei solai, con particolare attenzione al fenomeno dello sfondellamento, e alle soluzioni specifiche per la messa in sicurezza.
 
Sicurtecto Srl ha iniziato a studiare lo sfondellamento 30 anni fa, quando ancora era un fenomeno poco conosciuto. Come avete iniziato ad occuparvene ed a specializzarvi?
30 anni fa non esistevano studi sullo sfondellamento e le soluzioni proposte erano talmente invasive da disincentivare gli interventi: la prevenzione non esisteva e la messa in sicurezza era fortemente limitata.
Consapevoli dei rischi che comporta lo sfondellamento, sia per gli ambienti, ma soprattutto per le persone, abbiamo ritenuto indispensabile rendere possibile ed agevole la messa in sicurezza.
Abbiamo così iniziato a studiare il fenomeno, le sue cause e la sua evoluzione, collaborando con i professori del Politecnico di Milano, che ci hanno seguito nella ricerca e nelle sperimentazioni condotte in laboratorio. Inoltre, nel tempo abbiamo arricchito le nostre competenze anche grazie all’esperienza maturata sul campo. Ancora oggi monitoriamo l’evoluzione del fenomeno e studiando nuove tecnologie che consentano di sviluppare sistemi di messa in sicurezza efficaci.
 
Quali sono le soluzioni che avete studiato per mettere in sicurezza i solai?
Partendo dall’obiettivo di proteggere dallo sfondellamento attraverso interventi definitivi, ma anche pratici, abbiamo progettato l’antisfondellamento SICURTECTO®, il sistema a secco che protegge da sfondellamento e distacchi di intonaco.
Continuando la ricerca abbiamo sviluppato anche il primo controsolaio antisfondellamento in grado di intervenire anche su problematiche di tipo strutturale del solaio, attraverso interventi pratici e senza alcun tipo di demolizione: il controsolaio PRETECTO®.
 
La scelta di un sistema efficace è indispensabile, ma quali altri aspetti vanno considerati per mettere in sicurezza?
Grazie all’esperienza acquisita, ci siamo resi conto che la sola fornitura di un buon sistema non sempre è sufficiente a garantire la massima sicurezza, abbiamo così sviluppato un metodo di messa in sicurezza che accompagni i professionisti e i tecnici durante tutte le fasi.
In base alle esigenze del cliente, possiamo effettuare solo la fornitura dei sistemi, o far seguire dalle nostre squadre specializzate tutto il percorso: dall’analisi preliminare del solaio, passando per la progettazione su misura dell’intervento fino alla posa in opera e alla sua certificazione. Così ogni fase viene seguita da personale qualificato garantendo così un intervento efficace e sicuro, tutelando sia chi vive gli edifici, sia chi si occupa della loro sicurezza.
 
Hai parlato di tutela di chi si occupa della sicurezza degli edifici. Che consigli dai ai professionisti che si trovano a dover affrontare la messa in sicurezza dei solai?
La prima regola per chi si occupa di sicurezza è quella di scegliere soluzioni certificate che diano garanzie di reale efficacia. Solo così il professionista può tutelare le proprie scelte di manutenzione e avere la certezza di eseguire un intervento efficace, che garantisca la sicurezza definitiva. Per questo motivo, i nostri sistemi sono stati Certificati dal Politecnico di Milano, che li ha sottoposti a rigidi test per verificarne la messa in sicurezza dallo sfondellamento. Inoltre, consapevoli che il buon funzionamento del sistema è determinato dalla sua posa in opera, dopo ogni intervento eseguiamo delle prove che valutino l’efficacia del sistema installato e rilasciamo il Certificato di Posa in opera. Infine, per garantire una tutela anche legale, i sistemi sono assicurati da Polizza RC prodotto per sollevare i professionisti da ogni responsabilità e a richiesta è disponibile la postuma decennale risarcitoria.
 
Oggi il team di ricerca di Sicurtecto Srl su cosa sta lavorando?
Per poter far fronte alle esigenze di ogni solaio e dell’ambiente in cui si trova, stiamo lavorando su nuove prestazioni per i nostri sistemi di messa in sicurezza dei solai.
Ma l’impegno per la sicurezza degli edifici ci ha portato ad indagare altre vulnerabilità diffuse nel costruito e adesso il team di Ricerca e Sviluppo sta conducendo nuove sperimentazioni. La nostra missione per la sicurezza continua e presto annunceremo le novità delle nostre ricerche.

Sicurtecto su Edilportale.com
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Partecipa