Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
DESIGN NEWS

ADI Design Index 2019 per De Castelli

Selezionati i moduli esagonali fonoassorbenti in metallo DecoDe

Vedi Aggiornamento del 10/11/2020
22/10/2019 - DecoDe di De Castelli, design Pino Scaglione, è stato selezionato nell'ADI Design Index 2019 per le sue proprietà fonoassorbenti e concorre al prossimo Compasso d’Oro.

DecoDe-Decorative ecologic Device è una collezione di moduli esagonali fonoassorbenti a parete realizzati in metallo, resi preziosi per la speciale gamma di finiture, texture e cromatismi di De Castelli. 

Partendo dalle proprietà acustiche dei metalli, De Castelli ha collaborato con il designer Pino Scaglione studiando appositamente per questo progetto un innovativo processo di foratura e taglio laser.

Le alte prestazioni sono così ottenute tramite il metallo forato, i differenti spessori degli esagoni ed il materassino in materiale fonoassorbente riciclato inserito all’interno dei moduli: la Commissione ADI Index ha apprezzato le caratteristiche fonoisolanti e fonoassorbenti del prodotto, che impiega materiali sostenibili e ha un peso contenuto.

Interagendo con lo spazio in maniera “attiva”, DecoDe si propone come soluzione funzionale, tecnologica, ecologica e ad alta resa estetica: il sistema è infatti molto performante e consente combinazioni personalizzabili (orizzontali, verticali e libere) adatte nei contesti residenziali, negli uffici e in altri spazi con funzioni collettive.

La gamma si compone di moduli a parete con due dimensioni e due differenti funzioni: i pannelli grandi (70x60cm) sono fonoassorbenti, quelli piccoli (35x30 cm) possono alloggiare dispostivi diversi come diffusori musicali e luci led.

DE CASTELLI su ARCHIPRODUCTS

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui