Network
Pubblica i tuoi prodotti
FOCUS

Recinzioni e box per il cantiere

di Alessandra Marra

Una panoramica su reti perimetrali in plastica e in metallo e strutture prefabbricate per i servizi

Commenti 5445
31/10/2019 – Quando si avvia un nuovo cantiere è necessario perimetrare l'area con recinzioni temporanee. Inoltre, è necessario predisporre box prefabbricati per uffici e postazioni monoblocco per i servizi.
 
Secondo il DLgs 81/2008 “il cantiere, in relazione al tipo di lavori effettuati, deve essere dotato di recinzione avente caratteristiche idonee atte ad impedire l’accesso agli estranei alle lavorazioni”. I Regolamenti Edilizi comunali possono prevedere norme aggiuntive.
 

Recinzioni temporanee e mobili per il cantiere

In linea generale, tutte le recinzioni, sia perimetrali che interne, devono essere ben visibili e chiaramente individuate nel progetto dedicato alla sicurezza. Inoltre, è necessario redigere un documento che descriva in dettaglio le caratteristiche del sistema di recinzione (ad esempio dimensioni; grado di introspezione; materiali; tipologia di basamento; sistemi di connessione ecc.).
 
Tra i pannelli modulari per cantieri c’è LIMIT 2 di TENAX, un prodotto composto da pannelli facilmente e velocemente installabili, forniti di supporto per il sostegno.

 
Un altro esempio è MOBITEC di Gruppo CAVATORTA, una recinzione modulare in pannelli con basamenti in calcestruzzo rinforzato, in rete elettrosaldata ad alta resistenza con maglie a forma rettangolare. I fili longitudinali e trasversali della rete sono in acciaio zincato.


Se si opta per soluzioni meno rigide, c’è WORKING BIGMAT di BigMat, rete arancio estrusa in HDPE (polietilene ad alta densità) realizzata con polimeri di prima qualità. Il prodotto è dotato di cimose orizzontali antistrappo che facilitano l’installazione.

 
Se si ha bisogno di reti oscuranti, si può optare per RETE OSCURANTE BIANCA di Dakota che serve a delimitare i maniera chiara le aree dei cantieri a cui non accedere e ad evitare che le polveri possano disperdersi in strada.
 
C’è Divisori di FILS da utilizzare per delimitare e proteggere isole di lavoro o di stoccaggio in aree industriali, per reparti di produzione e magazzini. La schermatura della maglia consente un buon controllo visivo, fattore estremamente importante per l’efficienza operativa e per la sicurezza dell’ambiente.

 
Tra le recinzioni per aree esterne c’è MOBILINE di GRIDIRON GRIGLIATI, studiata per tutte quelle situazioni che richiedono una delimitazione temporanea degli spazi. È leggera, completa, facile da montare e smontare, riutilizzabile e di lunga durata.

 
Un esempio di recinzione in lamiera ondulata è GRECATO di Ferro Bulloni, una recinzione mobile temporanea con struttura di sostegno esterna verticale in tubolare zincato.

 
Infine, c’è DEFENDER CITY di NUOVA DEFIM che garantisce privacy grazie ai pannelli disponibili in colore grigio.

 
RECINZIONI TEMPORANEE E MOBILI PER IL CANTIERE >> VEDI TUTTE
 

Box e prefabbricati per il cantiere

Un cantiere ha bisogno di strutture prefabbricate da adibire come uffici o come servizi igienici.
 
Un esempio è offerto dai MINI BOX di sebach che rappresentano un nuovo concetto di ‘spogliatoio’ e box per lo stivaggio di materiale e assicurano comfort, sicurezza e praticità.

 
Come strutture per locali tecnici c’è Vani Servizi di Gazebo, realizzate con Calcestruzzo Autocompattante SCC (Self Compacting Concrete) che permettono di ottenere una struttura estremamente solida e resistente, esteticamente più bella e tenuta idraulica perfetta, anche in installazioni fuori terra.

 
Infine, c’è X-20(01) di Emmecinque Monoblocchi, un monoblocco prefabbricato in cemento da usare anche come ufficio.

 
BOX E PREFABBRICATI PER IL CANTIERE >> VEDI TUTTI
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Crediti Formativi Professionali, li hai conseguiti tutti? Partecipa