Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus in condominio, la deadline per le CILAS potrebbe slittare al 31 dicembre
NORMATIVA Superbonus in condominio, la deadline per le CILAS potrebbe slittare al 31 dicembre

Beni culturali dismessi, proposta la ‘Mappa dell’abbandono’

Un ddl prevede 9 milioni di euro in tre anni per censire il patrimonio in stato di degrado e favorirne il recupero

Vedi Aggiornamento del 27/09/2021
Foto: Andrey Bayda ©123RF.com
di Alessandra Marra
Vedi Aggiornamento del 27/09/2021
01/10/2019 - 3 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021 per realizzare una “Mappa dell’abban­dono” che censisca il patri­monio di rilevanza culturale in stato di de­grado e ne favorisca il recupero.
 
A prevederlo il ddl 1306, presentato da Michela Montevecchi (vicepresidente M5S della 7a Commissione Cultura del Senato), che riprende delle proposte fatte in occasione del NaDef 2018.
 

Patrimonio culturale dismesso: l’importanza del censimento

Il ddl intende predisporre una “Mappa dell’abbandono” dei beni e dei siti di rilevanza culturale, compresi i complessi industriali di­smessi, per consentirne il riutilizzo per scopi produttivi, commerciali, ricreativi, pubblici o privati.
 
Il ddl affida al Ministero per i beni culturali il compito di predisporre tale censimento; la mappa dovrà distinguere i beni di proprietà pub­blica da quelli di proprietà privata e contenere anche quelli già censiti.
 

Valorizzazione dei beni inutilizzati e nuove realtà produttive

Il recupero del patrimonio inutilizzato censito, oltre a favorire la lotta al consumo di suolo, potrebbe portare vantaggi alla comunità in termini occupazionali; la Montevecchi, relatrice del provvedimento, spiega: “Si tratta nello specifico di aree in cui sorgono edifici, complessi industriali, strutture e manufatti di notevole interesse storico e culturale che sono testimonianza di rinomate realtà produttive del passato e che giacciono in stato di abbandono e degrado, che potrebbero invece essere recuperate e riconsegnate alla comunità sotto forma di spazi polifunzionali, anche a fini occupazionali”.
 
Tali spazi, infatti, “potrebbero essere reinventati, attraverso l'enorme potenziale inespresso del patrimonio dismesso, che in alcuni casi (si pensi a Berlino) è divenuto il principale volano per rilanciare l'immagine della città, anche grazie a una concezione culturale di ampio respiro e, soprattutto, a strategie indotte dal basso e non imposte dall'alto”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Sondaggi Edilportale
Energia, edilizia, impianti, progetto: la Renovation Wave è il futuro?
Partecipa
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione