Network
Pubblica i tuoi prodotti
NORMATIVA

Ecobonus, i paletti alla cessione del credito

di Paola Mammarella

L’Agenzia delle Entrate spiega come funziona il meccanismo quando una società esegue gli interventi di riqualificazione energetica

Vedi Aggiornamento del 05/11/2019
Commenti 20373
22/10/2019 – Come funziona la cessione del credito d’imposta corrispondente all’Ecobonus quando a sostenere le spese per la riqualificazione energetica di un immobile è una società? Se ad essere titolari della detrazione fiscale sono i soci, questi possono effettuare la cessione a favore della società di cui fanno parte?
 
Con la risposta 415/2019, l’Agenzia delle Entrate ha risposto di no. Vediamo perché.
 

Ecobonus e cessione del credito, il caso

Una società si è rivolta all’Agenzia delle Entrate dopo aver pianificato un intervento di riqualificazione energetica per il quale avrebbe sostenuto tutte le spese.

SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE ALL'ECOBONUS
 
La relativa detrazione, spettante alla società, sarebbe stata imputata per trasparenza pro quota ai tre soci. I soci, data la loro limitata capienza IRPEF, avrebbero voluto effettuare la cessione del credito corrispondente all’Ecobonus alla società istante da loro partecipata.
 

Ecobonus e cessione del credito, lo stop del Fisco

L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che, in base alle circolari 11/E/2018 e 17/E/2018, per soggetti privati cessionari devono intendersi i soggetti diversi dai fornitori, sempreché collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione.
 
Nel caso di interventi condominiali, spiega a titolo esemplificativo il Fisco, la detrazione può essere ceduta agli altri soggetti titolari delle detrazioni spettanti per i medesimi interventi condominiali ovvero, più in generale, nel caso in cui i lavori vengano effettuati da soggetti societari appartenenti a un gruppo, nei confronti delle altre società del gruppo.

SCARICA LO SCHEMA DI EDILPORTALE DELLA CESSIONE DEL CREDITO E DELLO SCONTO ALTERNATIVO AI BONUS CASA
 
Nel caso di lavori effettuati da un'impresa appartenente a un consorzio oppure a una rete di imprese, il credito corrispondente alla detrazione può essere ceduto anche agli altri consorziati o retisti, anche se non hanno eseguito i lavori, o direttamente al Consorzio o alla Rete.
 
Se il fornitore si avvale di un subappaltatore per eseguire l'opera, la cessione del credito può essere effettuata anche a favore di quest'ultimo.
 
Al contrario, si legge nella risposta del Fisco, i soci non possono cedere alla società il credito corrispondente alla detrazione in quanto tale facoltà non è disciplinata dalla previsione normativa in argomento.
 
Laddove venisse consentita, spiegano le Entrate, tale possibilità di retrocedere il credito all'originario titolare della detrazione, si realizzerebbe l'effetto di permettere al beneficiario stesso di optare, in alternativa alla detrazione, per la fruizione di un corrispondente credito d'imposta, facoltà non prevista dalla norma.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Crediti Formativi Professionali, li hai conseguiti tutti? Partecipa