Network
Pubblica i tuoi prodotti
NORMATIVA

Regime forfettario, serve la marca da bollo in fattura?

di Alessandra Marra

L’Agenzia delle Entrate spiega che il discriminante è l’importo

Commenti 19024
24/10/2019 – Chi aderisce al regime forfettario deve apporre la marca da bollo in fattura?
 
La risposta dell’Agenzia delle Entrate arriva tramite la posta di FiscoOggi.
 

Regime forfettario e marca da bollo

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che, in linea generale, sulle fatture riguardanti operazioni effettuate dai soggetti passivi che usufruiscono del regime forfettario va applicata una marca da bollo di 2 euro, in quanto queste operazioni non sono soggette a Iva.
 
La marca da bollo è un tributo alternativo all’Iva e i forfettari non addebitano l’Iva in rivalsa né esercitano il diritto alla detrazione dell’imposta assolta.
 
Tuttavia, l’Agenzia specifica che, se il documento emesso ha un importo totale inferiore a 77,47 euro, la marca da bollo non va apposta.
 

Regime forfetario 2019

Ricordiamo che il regime forfettario è un regime fiscale agevolato, destinato agli operatori economici di ridotte dimensioni. La legge di bilancio 2019 ne ha ampliato l’ambito applicativo, innalzando la soglia limite dei ricavi/compensi ed eliminando gli ulteriori requisiti di accesso riguardanti il costo del personale e quello dei beni strumentali.
 
Attualmente possono accedere al regime forfetario sia i contribuenti che iniziano una nuova attività (di impresa, arte o professione) e presumono di conseguire ricavi o compensi non superiori a 65.000 euro sia coloro che già sono in attività e, nell’anno precedente all’applicazione del regime forfetario, hanno conseguito ricavi o compensi entro la soglia indicata.
 

Regime forfettario: verso modifiche nel 2020

L’attuale regime, però, è destinato a cambiare; sono, infatti, previste modifiche nella prossima Manovra. Secondo il documento programmatico, la tassazione al 15% e la soglia dei ricavi dovrebbe rimanere invariata ma dovrebbero essere introdotti nuovi paletti su reddito da lavoro dipendente, limiti di spese personale e limiti per beni strumentali.
 
Tra le modifiche, proposta anche l’introduzione del calcolo analitico del reddito su cui applicare la tassazione forfettaria.

Per capire meglio come si delineerà il nuovo regime, però, dovremo aspettare il testo della Manovra 2020.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Crediti Formativi Professionali, li hai conseguiti tutti? Partecipa