Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Concorso per 120 ingegneri e geologi al MIMS, pubblicato il bando
PROFESSIONE Concorso per 120 ingegneri e geologi al MIMS, pubblicato il bando
PROGETTAZIONE

Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane

di Paola Mammarella

Stazioni ferroviarie, tunnel, stadi, grattacieli e gasdotti. Ecco dove si raggiungono i traguardi dell’ingegneria

Vedi Aggiornamento del 07/05/2020
Commenti 10148
14/10/2019 - Dietro le opere di maggior pregio c’è il lavoro delle imprese di costruzione. Il gruppo Guamari ha stilato la classifica delle migliori imprese europee del 2018 per volumi d’affari. 
 
Ecco la classifica, aggiornata a maggio 2019, delle prime dieci imprese di costruzioni italiane: Salini Impregilo, Astaldi, Pizzarotti, Cmc, Rizzani de Eccher, Bonatti, Ghella, Cmb, Cimolai.
 
Di seguito una gallery con alcune opere realizzate
 

Cityringen, Copenhagen - Danimarca

La società Salini Impregilo ha realizzato un nuovo anello della metropolitana totalmente automatizzato. La maggiore sfida è stata operare all’interno di un centro urbano densamente abitato riducendo i disagi per la circolazione e i rischi per i vicini edifici storici.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: Facebook @SaliniImpregiloOfficial
 

Stazione di Lódz – Polonia

La stazione ferroviaria e metropolitana, realizzata da Astaldi, è dotata di tutti gli standard per l’alta velocità. I lavori sono terminati nel 2016.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: Archivio Fotografico Astaldi, Stazione di Lódz Fabryczna, Polonia
 

Stazione piazza Garibaldi, Napoli

Questa stazione, realizzata da Pizzarotti su progetto dello studio Dominique Perrault Architecture, è stata ultimata nel 2015. Oltre al pozzo stazione è stata costruita una galleria commerciale.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: Archilovers - Peppe Maisto / DPA / Adagp
 

Alta Velocità Bologna – Milano

La tratta ferroviaria, realizzata da CMC, attraversa tutto il territorio della provincia di Reggio Emilia e affianca a nord l’Autostrada del Sole. Nell’ambito dei lavori, che hanno riguardato la costruzione dell’intero corpo ferroviario, rilevati, ponti, viadotti, sono presenti anche ponti sospesi progettati dall’architetto Santiago Calatrava.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: www.cmcgruppo.com
 

Trans Adriatic Pipeline (TAP)

Alla costruzione del gasdotto, che metterà in comunicazione l’Europa, passando dalla provincia di Lecce, con i giacimenti del mar Caspio, sta lavorando la società Bonatti.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: www.bonattinternational.com
 

Follo Line, Oslo – Norvegia

L’impresa Ghella sta lavorando alla realizzazione del più lungo tunnel ferroviario a doppio binario della Scandinavia. La galleria misurerà 22 chilometri e partirà dalla stazione centrale di Oslo.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: www.ghella.com
 

Torre Hadid, Milano

L’impresa CMB ha lavorato alla Torre Hadid nel complesso City Life di Milano. Tra i dettagli più originali, riferiscono i suoi progettisti, i pilastri con calcestruzzo a vista.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: Archilovers Andrea Zanchi
 

Millenium Stadium, Cardiff – Regno Unito

La società Cimolai ha curato la progettazione e realizzazione del telaio strutturale degli spalti, della copertura e del tetto mobile. Tutti gli elementi sono realizzati da profili e tubi formati a caldo e a freddo.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: www.cimolai.com
 

Viadotto Marchetti, Ivrea

L’impresa Itinera ha lavorato alla realizzazione di quest’opera autostradale sulla Bretella A4/A5.
Grandi opere nel mondo, dietro c’è la mano delle top imprese italiane Foto: www.itinera-spa.it
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui