Network
Pubblica i tuoi prodotti
RISPARMIO ENERGETICO

Edilizia scolastica, al lavoro per una mappatura dell’efficienza energetica

di Alessandra Marra

Da Enea e Assistal un ‘data model’ per il monitoraggio delle scuole

Vedi Aggiornamento del 11/11/2019
Commenti 3540
25/10/2019 – Promuovere una mappatura dell’efficienza degli edifici scolastici per aiutare la Pubblica Amministrazione (PA) a orientare le prossime gare per l’affidamento dei servizi energetici delle scuole.  
 
Questo lo scopo dell’accordo siglato tra l’Enea e l’ASSISTAL (Associazione Nazionale Costruttori di Impianti e dei Servizi di Efficienza Energetica – ESCo, Servizi Integrati e Facility Management).
 

In arrivo la mappatura dell’efficienza energetica delle scuole

L’accordo promuove lo sviluppo di un data model per il censimento dei dati strategici degli edifici scolastici secondo il modello gestionale del PELL, Public Energy Living Lab.
 
ASSISTAL ed ENEA, quindi, sono all’opera per definire una scheda censimento per gli edifici scolastici che si prevede verrà inserita nelle prossime gare per l’affidamento del Servizio integrato energia e dei servizi connessi per la PA.
 
L’obiettivo dell’accordo è quello di definire un set omogeneo di dati a livello nazionale che saranno inseriti sulla futura piattaforma PELL Building, dedicata proprio alla raccolta e al monitoraggio dei dati necessari per caratterizzare il parco immobiliare pubblico.
 
In più, verrà finalizzata una mappatura dei consumi energetici degli edifici scolastici quale base informativa utile alla Pubblica Amministrazione verso lo sviluppo di città in chiave smart city e smart land.
 

Efficienza energetica: il precedente accordo per l’illuminazione pubblica

L’intesa conclusa non è il primo caso di cooperazione tra le due Organizzazioni, che hanno già collaborato all’attività propedeutica alla progettazione della piattaforma PELL, applicata all’infrastruttura della Pubblica Illuminazione, in quanto particolarmente strategica all’avvio di piani di riqualificazione urbana in chiave smart city.
 
Il PELL, dopo una prima fase di sperimentazione, è stato adottato da Consip, come strumento di monitoraggio della qualità del servizio di illuminazione pubblica. In sostanza i fornitori aggiudicatari della gara sono tenuti a compilare e caricare sulla piattaforma PELL i dati degli impianti da loro gestiti secondo lo standard PELL alla cui definizione ASSISTAL ha contribuito.
 
Forti di questa esperienza, ai fini di un rafforzamento della collaborazione e al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo di modelli gestionali intelligenti, ASSISTAL ed ENEA hanno formalizzato l’accordo volto ad estendere la piattaforma PELL anche agli edifici pubblici-scuole.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Crediti Formativi Professionali, li hai conseguiti tutti? Partecipa