Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus ristrutturazioni, come funziona la detrazione se varia il numero delle unità immobiliari?
NORMATIVA Bonus ristrutturazioni, come funziona la detrazione se varia il numero delle unità immobiliari?
ARCHITETTURA

A Milano il Museo nazionale della Resistenza

La sede sarà un edificio ‘gemello’ della Fondazione Feltrinelli. I rendering del progetto presentato

© Herzog & de Meuron
© Herzog & de Meuron
12/12/2019 - Pochi giorni fa il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, e il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, hanno annunciato la nascita del Museo Nazionale della Resistenza a Milano. 
Il museo, avrà sede all’interno dell’area comunale tra via Montello e via Volta, recentemente bonificata in vista della realizzazione dell’edificio ‘gemello’ della Fondazione Feltrinelli, come previsto dal progetto di Herzog & De Meuron.

Il Mibact interviene con un investimento di 15 milioni di euro reso possibile attraverso la rimodulazione di risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione. Queste risorse si sommano ai 2,5 milioni di euro già stanziati per la Casa della Memoria di Milano. Un intervento che risponde all’appello sottoscritto, tra gli altri, dalla senatrice a vita Liliana Segre, per individuare una sede appropriata a una simile istituzione. 

 “I 15 milioni si aggiungono ai due milioni e mezzo già stanziati per la Casa della Memoria – ha dichiarato il Ministro Franceschini – e saranno utilizzati per realizzare quel Museo Nazionale della Resistenza che Milano, città due volte medaglia d’oro, merita e che rappresenta un progetto di cui il Paese ha un assoluto bisogno. Un intervento molto più ampio rispetto al precedente – sottolinea Franceschini – che verrà accompagnato nella sua realizzazione dal lavoro di un comitato scientifico per mettere in rete le istituzioni e i musei della resistenza locali, così come le istituzioni quali l’ANPI. Tutto questo per proporre un racconto della lotta di liberazione capace di restituire la memoria di chi ha combattuto per ridare all’Italia la libertà, come ha voluto ricordare il Presidente Mattarella nel messaggio che ha fatto pervenire. Io sono figlio di un giovane partigiano bianco – ha concluso il ministro – e mi sono sempre portato dietro la paura che quel ricordo si smarrisca. È quindi importante che ci sia un luogo nazionale per ricordare alle future generazioni ciò che hanno fatto le nostre madri e i nostri padri per darci quella libertà che oggi riteniamo scontata e ovvia, mentre non lo è per niente perché si è data la vita e la giovinezza per ottenerla”.

Il Museo verrà gestito da una fondazione tra il Comune, il MiBACT e l’Istituto Nazionale Ferruccio Parri, con il coinvolgimento della Regione Lombardia.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
anna

MI sembra che nel rendering ci siano molte più piante di quante ne esistano effettivamente...

thumb profile
Gaetano

Non poteva trovare migliore collocazione, nella zona di Milano che guarda al futuro più di ogni altra zona, si mantiene saldo il collegamento col passato e la storia da non dimenticare. Come per dire che non c'è futuro senza passato. Un grande insegnamento per tutti, giovani e non.

thumb profile
Nuccia

WWW. Tante lotte e tanti morti per la libertà italiana avranno finalmente un luogo adatto alla loro conoscenza sia da parte dei giovani che dei vecchi cittadini che non hanno voluto guardare l'orrore di quella guerra.

thumb profile
Roberto Francese

FINALMENTE!