Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus facciate 90% solo per centri storici e zone B
NORMATIVA Bonus facciate 90% solo per centri storici e zone B
NORMATIVA

Bonus mobili, occhio alla data di inizio lavori

di Rossella Calabrese

L’Agenzia delle Entrate torna sul tema delle detrazioni per la ristrutturazione e l’arredo della casa

Vedi Aggiornamento del 09/12/2019
Commenti 24119
Foto: Piotr Pawinski © 123rf.com
03/12/2019 - Per ottenere il bonus mobili ed elettrodomestici, è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione sia precedente a quella di acquisto dei beni. Tuttavia, l’agevolazione per gli acquisti effettuati nel 2019 spetta solo se gli interventi di recupero del patrimonio edilizio sono iniziati a partire dal 1° gennaio 2018.
 
La precisa condizione che la legge pone riguarda quindi le date che delimitano l’arco temporale entro cui i lavori devono essere effettuati per poter costituire il presupposto al diritto di fruire del bonus mobili.
 
Ma andiamo con ordine. Un contribuente spiega di aver terminato da circa 3 mesi i lavori di ristrutturazioni della sua casa, lavori per i quali chiederà la detrazione Irpef del 50%. La domanda che pone è: “volendo ora comprare dei mobili e usufruire del relativo bonus, esiste un termine dalla fine dei lavori entro il quale effettuare l’acquisto?”.
 
L’Agenzia delle Entrate ricorda che il bonus mobili ed elettrodomestici consiste in una detrazione Irpef del 50% delle spese sostenute per acquistare mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.
 
SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS MOBILI
 
“Salvo proroghe, l’agevolazione si può richiedere per gli acquisti che si effettueranno entro il 2019 e va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro. Per avere il bonus è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione sia precedente a quella in cui si acquistano i beni.
 
La legge non ha previsto alcun vincolo temporale nella consequenzialità tra l’esecuzione dei lavori di ristrutturazione e l’acquisto dei beni. Ha posto però una precisa condizione, da verificare in quanto nel quesito non è indicato: l’agevolazione per gli acquisti effettuati nel 2019 spetta solo se gli interventi di recupero del patrimonio edilizio sono iniziati a partire dal 1° gennaio 2018”.
 
La proroga, comunque, ci sarà: la Legge di Bilancio 2020 prevede che l’agevolazione varrà anche per gli acquisti effettuati nel 2020 e spetterà se gli interventi di recupero del patrimonio edilizio saranno iniziati a partire dal 1° gennaio 2019.

Le detrazioni fiscali per i lavori e l'arredo della casa sono in fase di proroga. Ma dopo tanti anni, hai ancora dubbi o, invece, li conosci perfettamente? Scoprilo con il quiz di Edilportale!
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus Casa: li conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa