Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Tettoia realizzata senza permesso di costruire, per i giudici è ok
NORMATIVA Tettoia realizzata senza permesso di costruire, per i giudici è ok
NORMATIVA

Prima casa, come funziona la detrazione del mutuo?

di Alessandra Marra

L’Agenzia delle Entrate spiega la differenza tra gli interessi passivi dei mutui stipulati per l’acquisto e quelli per la realizzazione dell’abitazione

Vedi Aggiornamento del 08/01/2020
Commenti 17150
Foto: gasparij ©123RF.com
18/12/2019 – Come funziona la detrazione degli interessi passivi di un mutuo acceso per costruire la prima casa, per acquistarla o per ristrutturarla?
 
A spiegarlo l’Agenzia delle Entrate, tramite la posta di FiscoOggi, rispondendo ad una coppia, di cui la moglie fiscalmente a carico del marito, comproprietaria e cointestataria di un mutuo acceso per costruire l’abitazione principale. Il particolare, il marito ha chiesto all’Agenzia se fosse possibile portare in detrazione la quota di interessi passivi spettante alla moglie.
 

Detraibilità mutui prima casa: quando è possibile

Prima di tutto, l’Agenzia ha ricordato che è prevista una detrazione Irpef del 19 per cento per gli interessi passivi e relativi oneri accessori corrisposti in dipendenza di mutui ipotecari contratti per l’acquisto dell’abitazione principale, per un importo non superiore a euro 4.000.
 
La detrazione, a decorrere dalla data in cui l’unità immobiliare è adibita a dimora abituale, vale anche nel caso in cui l’immobile acquistato sia oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia, comprovata da concessione edilizia o atto equivalente.
 
In caso di mutuo cointestato, ciascuno dei coniugi può fruire della detrazione per la propria quota di interessi. Per l’acquisto e la ristrutturazione della casa, a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge 388/2000, è previsto che, in caso di coniuge fiscalmente a carico dell’altro, la detrazione spetta a quest’ultimo per entrambe le quote.
 

Detraibilità mutui passivi prima casa: il caso della costruzione  

La detrazione del 19 per cento per gli interessi passivi vale anche per la costruzione dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, per un importo non superiore a 2.582,28 euro.
 
Tuttavia, poiché in questo caso manca una disposizione analoga a quella introdotta dalla Legge 388/2000, per i mutui contratti per la costruzione dell’abitazione principale la quota di interessi del coniuge fiscalmente a carico non può essere portata in detrazione dall’altro coniuge.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui