Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus facciate 90% solo per centri storici e zone B
NORMATIVA Bonus facciate 90% solo per centri storici e zone B
RISTRUTTURAZIONE

Bonus ristrutturazioni, vale per i lavori sulla casa da acquistare?

di Alessandra Marra

L’Agenzia delle Entrate spiega le condizioni per ottenere la detrazione sull'immobile sul quale si intende effettuare i lavori

Vedi Aggiornamento del 09/12/2019
Commenti 10924
Foto: dolgachov ©123RF.com
02/12/2019 – Può usufruire del bonus ristrutturazioni 50% anche il futuro acquirente di un immobile sul quale intende effettuare i lavori?
 
La risposta arriva dall’Agenzia delle Entrate tramite la posta di FiscoOggi.
 

Bonus ristrutturazioni per immobili da acquistare

L’Agenzia chiarisce che la detrazione dall’Irpef delle spese sostenute per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio può essere fruita anche dal futuro acquirente di un immobile a condizione che sia stato stipulato e regolarmente registrato un contratto preliminare di vendita dell’unità immobiliare.
 
Più in generale, per beneficiare dell’agevolazione è necessario che alla data di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale il contribuente si avvale della detrazione siano stati registrati il preliminare di acquisto o il rogito.
 
Inoltre, è necessario che l’acquirente sia stato immesso nel possesso dell’immobile ed esegua gli interventi a proprio carico. Non è invece richiesta l’autorizzazione ad eseguire i lavori da parte del venditore.
 
Infine, l’Agenzia ricorda che, nel rispetto di tutte le altre condizioni, la detrazione spetta al futuro acquirente anche nelle ipotesi in cui non si perfezioni l’acquisto.
 

Bonus ristrutturazioni: cosa prevede

Ricordiamo che grazie al Bonus ristrutturazione è possibile usufruire della detrazione Irpef 50% e del limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare per le spese di recupero del patrimonio edilizio fino al 31 dicembre 2019. 

Sono detraibili le spese sostenute per lavori di: manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze. Oltre alle spese per i lavori, sono incentivate anche quelle per la progettazione, l’acquisto dei materiali, la gestione delle pratiche, le perizie e gli oneri di urbanizzazione.

I pagamenti devono avvenire con bonifico bancario o postale da cui risulti la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il codice fiscale o il numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.
 
SCARICA LA GUIDA EDILPORTALE AL BONUS RISTRUTTURAZIONE 
 

Bonus ristrutturazioni: in arrivo proroga al 2020

La bozza delle Legge di Bilancio 2020 prevede la proroga di un altro anno della detrazione del 50% delle spese fino a 96mila euro.  Senza tale proroga la detrazione sarebbe passata al 36% con un tetto di spesa di 48 mila euro. 
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus Casa: li conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa