Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Tettoia realizzata senza permesso di costruire, per i giudici è ok
NORMATIVA Tettoia realizzata senza permesso di costruire, per i giudici è ok
LAVORI PUBBLICI

Scuole, finanziate verifiche di solai e controsoffitti per 65,9 milioni di euro

di Rossella Calabrese

Dal Ministero dell’Istruzione le graduatorie degli edifici sui quali saranno condotti 5.560 controlli

Commenti 4226
Foto: Graham Oliver ©1 23rf.com
13/01/2020 - Sono 5.560 le verifiche su solai e controsoffitti delle scuole che il Ministero dell’Istruzione finanzierà con 65,9 milioni di euro.
 
Sono state, infatti, pubblicate le graduatorie del bando lanciato lo scorso ottobre, che prevedono, in particolare, 1.265 verifiche su edifici di Province e Città metropolitane e 4.295 su strutture scolastiche comunali.
 
40 milioni di euro saranno utilizzati per le verifiche sui solai e 25,9 milioni di euro serviranno a eseguire i lavori più urgenti. Gli obiettivi sono quelli di verificare lo stato degli edifici scolastici, prevenire fenomeni di crollo di solai e controsoffitti e intervenire poi tempestivamente sulle criticità rilevate per garantire la sicurezza delle scuole.
 
Le Regioni con il maggior numero di interventi che saranno finanziati sono: Campania (943), Lombardia (568) e Puglia (531). Vedi le graduatorie
 
Gli interventi candidati sono stati selezionati sulla base di precisi criteri: vetustà degli immobili, con particolare riferimento agli edifici costruiti prima del 1970; localizzazione in zona sismica; popolazione scolastica coinvolta; assenza di finanziamento negli ultimi 5 anni per interventi strutturali o per indagini diagnostiche; eventuale quota di cofinanziamento.
 
“A ottobre scorso - dichiara la viceministra all’Istruzione, Anna Ascani - abbiamo stanziato 65,9 milioni di euro per il Piano straordinario di prevenzione dei crolli di solai e controsoffitti nelle scuole, oggi pubblichiamo le graduatorie degli enti locali che hanno aderito all’avviso pubblico e potranno beneficiare di queste risorse. E intervenire, quindi, rapidamente per assicurare ai nostri studenti il diritto di formarsi e crescere in ambienti sicuri”.
 
“Purtroppo, sappiamo bene che una delle maggiori ragioni di insicurezza delle nostre scuole è il crollo di intonaco dai soffitti: proprio nei giorni scorsi si sono verificati dei casi in due istituti. Ed è per questo che siamo impegnati giorno dopo giorno per fare concretamente dell’edilizia scolastica una delle nostre priorità”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui