Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Tettoia realizzata senza permesso di costruire, per i giudici è ok
NORMATIVA Tettoia realizzata senza permesso di costruire, per i giudici è ok
NORMATIVA

Sconto in fattura, Fondazione Inarcassa e CNI: ‘inammissibile escludere il sismabonus’

di Rossella Calabrese

Secondo i tecnici, il Paese ha bisogno di un approccio strutturale alla prevenzione del rischio sismico

Vedi Aggiornamento del 28/01/2020
Commenti 5506
Foto: Prig MORISSE ©123rf.com
08/01/2020 - La Legge di Bilancio 2020 ha fortemente ridimensionato lo sconto in fattura, limitandolo ai soli lavori di efficientamento energetico di importo superiore a 200mila euro sulle parti comuni dei condomìni.
 
Lo ricordano il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI) e Fondazione Inarcassa, sottolineando che, in sostanza, dallo sconto in fattura sono esclusi gli interventi per la messa in sicurezza sismica, cioè quelli che godono del sismabonus.
 
A tal proposito, CNI e Fondazione Inarcassa esprimono la più viva preoccupazione per una decisione che, come già sottolineato di recente, rischia di bloccare definitivamente la più importante operazione di messa in sicurezza del nostro patrimonio abitativo, incentrata sul sismabonus.
 
Il sismabonus - spiegano i progettisti - “è uno strumento fondamentale per prevenire e mitigare gli effetti devastanti del terremoto ed è inammissibile che lo sconto in fattura non sia previsto anche per questa tipologia di interventi, dal momento che in Italia solo negli ultimi 365 giorni si sono registrati 2.026 terremoti di Magnitudo superiore a 2 (dati Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia)”.
 
SCARICA LO SCHEMA DI EDILPORTALE SULLO SCONTO IN FATTURA

Il Paese - proseguono CNI e Fondazione Inarcassa - ha urgentemente bisogno di un approccio nuovo e strutturale alla prevenzione del rischio sismico, per evitare situazioni di continua emergenza e spese enormi di ricostruzione. Per questi motivi, ogni strumento atto ad incentivare una maggiore propensione della popolazione a ricorrere ad interventi di mitigazione del rischio sugli edifici rappresenta un importante passo avanti”.
 
Secondo i tecnici, lo sconto in fattura per interventi legati al sismabonus sarebbe andato in questo senso, ma ancora una volta le forze politiche che dovrebbero essere portatrici di interventi innovativi mostrano scarsa attenzione rispetto all’introduzione di disposizioni che possono avere effetti dirompenti rispetto alle politiche meritoriamente messe in atto per la salvaguardia del territorio e delle comunità.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Max

Pienamente d'accordo con il commento e l'articolo. Tant'è che anche per gli interventi post-sisma centro-italia in cui tutti dicono che bisogna accelerare, proprio quando si iniziava a capire un po meglio tutta la burocrazia su come poter legare il sisma bonus per gli interventi di lieve e grave entità, con relativo accollo volontario, che possono discriminare di molto la tipologia d'intervento scelta dal committente, arriva questo imbarazzante dietro front. Il Sisma bonus deve da subito, diventare strutturale o avere un aggiornamento di scadenza a medio lunga gittata, altrimenti per interventi post-sisma tra autorizzazioni, inizio ed esecuzione lavori, etc, entro il 31/12/2021 non si riesce a pianificare ne tanto meno realizzare nessun intervento concreto!!!

thumb profile
nicola

Ho acquistato appena dopo l'introduzione dello sconto in fattura (e solo perchè era stato introdotto) una casa da ristrutturare con i migliori propositi di miglioramento sismico ed energetico e di farmi fatturare fino all'ultimo euro da fornitori e tecnici (che avrebbero così pagato le tasse...) e che si sono detti disponibili ad applicare lo sconto. Nemmeno il tempo di rogitare e presentare il progetto di ristrutturazione (importante) che lo sconto in fattura è stato abolito ed i buoni propositi sono andati giù con lo sciaquone.... Se ristrutturerò la casa, dovrò farlo "in economia" , risparmiando in materiali e tecnologie , senza miglioramenti sismici ed energetici che avevamo pensato..... quindi maggior rischio sismico e maggior inquinamento !! Non avendo tutta la cifra a disposizione , dovrò inoltre cercare una alternativa allo sconto in fattura.... provate ad indovinare ? secondo voi cosa mi proporranno i fornitori per farmi un miglior prezzo ? forse eliminare la fattura o fatturare importi minimi ?? siamo proprio in italia, il paese delle banane..... Poi, perchè per le parti comuni di condomini rimane ? chi è proprietario di una abitazione singola non è così discriminato ? non è anticostituzionale ?? Perchè continuano ad istituire dei bonus: ristrutturazione, ecobonus, sismabonus, bonus giardini ed ora il fenomenale bonus facciate al 90% !!!! tanto un operaio (o una famiglia di due operai) non avrà mai abbastanza capienza fiscale per poterne usufruire. Di queste agevolazioni ne possono usufruire a pieno solo dirigenti ed imprenditori con stipendi da favola (che magari non avrebbero bisogno dell'incentivo per decidere se fare i lavori o meno).