Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Coronavirus e edilizia, il committente deve pagare i lavori già eseguiti
NORMATIVA Coronavirus e edilizia, il committente deve pagare i lavori già eseguiti
LAVORI PUBBLICI

Controlli sulle ritenute, per semplificarli arriva l’Iva teorica

di Paola Mammarella

Consentirà alle imprese di raggiungere le soglie di ricavi per l’utilizzo del Durf

Vedi Aggiornamento del 10/03/2020
Commenti 3372
Foto: NejroN © 123RF.com
06/03/2020 – Conteggiare l’Iva versata direttamente all’Erario con lo split payment o il reverse charge per essere considerati “in regola” con il pagamento delle ritenute fiscali. Potrebbero essere queste alcune delle semplificazioni pensate per agevolare gli operatori con gli adempimenti del Decreto Fiscale.
 
L’idea è stata lanciata dal sottosegretario al Ministero dell’Economia, Alessio Mattia Villarosa, durante un’interrogazione proposta dall’on. Pd Fragomeli.
 

Controlli sui pagamenti sulle ritenute

Il Decreto Fiscale (L.157/2019), lo ricordiamo, prevede che i committenti di una o più opere o di uno o più servizi di importo complessivo annuo superiore a 200mila euro, caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera e svolti presso le sedi di attività del committente, con l'utilizzo di beni strumentali di proprietà di quest'ultimo o ad esso riconducibili in qualunque forma, devono richiedere all'impresa la copia delle deleghe di pagamento relative al versamento delle ritenute. Se le imprese non rispettano questi obblighi, il committente deve sospendere il pagamento, fino a concorrenza del 20% del valore complessivo dell’opera o del servizio.
 

Controlli sulle ritenute meno stringenti col Durf

Il Decreto fiscale prevede che le imprese, invece di consegnare le singole deleghe di pagamento, possono inviare al committente una certificazione, messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Si tratta del Documento di regolarità fiscale (Durf), che certifica che l’impresa è in attività da almeno tre anni, non ha iscrizioni a ruolo per importi superiori a 50mila euro, è in regola con gli obblighi dichiarativi e ha eseguito versamenti registrati nel conto fiscale per un importo non inferiore al 10% dell’ammontare dei ricavi o compensi risultanti dalle dichiarazioni dei redditi.
 

Split payment e reverse charge, come risolvere le potenziali difficoltà

Nella sua interrogazione, l’on. Fragomeli ha osservato che il parametro dei versamenti registrati nel conto fiscale non inferiore al 10% può rappresentare un obiettivo di difficile raggiungimento per alcune tipologie di imprese edili, in particolare le cooperative e le imprese soggette al meccanismo dello split payment.
 
Il meccanismo dello split payment prevede che le Pubbliche Amministrazioni versino direttamente all’Erario l’Iva addebitata in fattura dai fornitori.
 
Secondo Villarosa, dal momento che il meccanismo costituisce una deroga rispetto all’ordinario sistema di funzionamento dell’Iva, l’importo soggetto a split payment, anche se non confluisce nel conto fiscale, potrebbe essere conteggiato come “Iva teorica” e consentire all’impresa di raggiungere la soglia che fa scattare i controlli più leggeri.
 
Villarosa ha sottolineato che il settore edile, più che dallo split payment, è interessato dal meccanismo del reverse charge, cioè l’inversione contabile. Anche in questo caso, è il committente a versare direttamente l’Iva, che quindi non arriva nel conto fiscale dell’impresa, e Villarosa ha proposto di considerare tale importo come “Iva teorica”.
 

Controlli sulle ritenute, no all’ F24 unico

Durante l’interrogazione, l’on. Fragomeli ha chiesto, per semplificare la vita di imprese e committenti, di valutare l'introduzione di un pagamento con F24 cumulativo con cui l’impresa possa versare le ritenute dei propri dipendenti, a prescindere dai singoli cantieri dove realizzano l'attività.
 
Villarosa ha frenato su questo punto spiegando che, secondo quanto affermato dall’Agenzia delle entrate, sarebbe necessario un intervento normativo, che però si porrebbe in contrasto con l’esigenza di riscontro sul corretto versamento delle ritenute.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il Coronavirus stravolge il lavoro. Come uscirne? Partecipa