Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Coronavirus e edilizia, il committente deve pagare i lavori già eseguiti
NORMATIVA Coronavirus e edilizia, il committente deve pagare i lavori già eseguiti
LAVORI PUBBLICI

Scuole, in arrivo 510 milioni di euro per le Regioni

di Alessandra Marra

Il Cipe assegna 48 milioni di euro provenienti da economie. Presto disponibili nuove risorse per l’emergenza coronavirus

Vedi Aggiornamento del 08/04/2020
Commenti 4124
Foto: Brian Guest ©123RF.com
13/03/2020 – In arrivo 510 milioni di euro, destinati alla programmazione unica nazionale per il triennio 2018-2020, per realizzare interventi nelle scuole di ogni regione.
 
La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, infatti, ha firmato lo scorso 10 marzo il decreto di ripartizione delle risorse tra le Regioni.
 

Edilizia scolastica: 510 milioni di euro per le Regioni

Il decreto firmato dà il via libera al finanziamento dei primi 280 interventi, per un totale di 420.907.035,62 euro, in base alle proposte già pervenute dalle Regioni al Ministero.
 
Questa prima tranche di finanziamenti del Piano 2019 sarà erogata in modo diretto per permettere alle regioni di agire in maniera mirata e rapida.
 
Le ulteriori risorse saranno sbloccate con un successivo decreto.
 


Scuole: dal CIPE 48 milioni di euro per la sicurezza

Le Regioni potranno contare anche su ulteriori risorse messe a disposizione a seguito dei definanziamenti dei programmi stralcio di edilizia scolastica; si tratta in particolare di 48,37 milioni di euro sbloccati dalla Delibera Cipe 70/2019.
 
Le risorse potranno essere riutilizzate per finanziare programmi di edilizia scolastica secondo l’ordine di graduatoria dell'ultima Programmazione unica nazionale approvata dal Miur.
 
Qualora gli enti locali non abbiano ulteriori interventi inclusi nella programmazione o quelli presenti non possano essere finanziati interamente, le risorse disponibili possono essere utilizzate per finanziare: verifiche di vulnerabilità sugli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico, interventi finalizzati all’adeguamento alla normativa antincendio o antisismica, la progettazione di interventi di messa in sicurezza.  
 
 

Edilizia scolastica: le altre misure previste

Sul fronte dell’edilizia scolastica sono attive più linee d’intervento; in una nota il Miur ha fatto sapere che per quanto riguarda gli istituti scolastici di competenza delle Province e delle Città metropolitane, è stato avviato il lavoro di definizione di un Piano quinquennale che stanzia circa 850 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico degli edifici.
 
Inoltre, è alla firma il decreto ministeriale che proroga al 31 ottobre 2020 l'aggiudicazione dei lavori nei Comuni per interventi di adeguamento alla normativa antisismica per un totale di circa 1,3 miliardi di euro.
 
Infine, il Miur ha fatto sapere che nei prossimi provvedimenti economici riguardanti il Coronavirus, ci sarà spazio anche per misure per l’edilizia scolastica, in particolare per rilanciare e sostenere il comparto delle piccole e medie imprese.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il Coronavirus stravolge il lavoro. Come uscirne? Partecipa