Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Coronavirus e edilizia, il committente deve pagare i lavori già eseguiti
NORMATIVA Coronavirus e edilizia, il committente deve pagare i lavori già eseguiti
MERCATI

L’incognita coronavirus pesa sul mercato di finestre e facciate

di Alessandra Marra

Rapporto UNICMI: per serramenti metallici e involucro edilizio crescita lieve nel 2019 e rischio frenata nel 2020

Vedi Aggiornamento del 18/03/2020
Commenti 4322
Foto: Jens Ickler ©123RF.com
12/03/2020 – Il 2019 ha fatto registrare una tendenza positiva per serramenti metallici e facciate continue ma per il 2020 pesa l’incertezza Coronavirus che potrebbe far scendere la crescita del settore delle finestre dall’1,6% all’1,36% e quella delle facciate dal 4% al 3,4%.
 
Questi alcuni dati contenuti nel Rapporto UNICMI 2020 sul mercato italiano dell'involucro edilizio.
 

Serramenti e facciate: crescita nel 2020? Incognita Coronavirus

Nel 2019, il Rapporto ha evidenziato un miglioramento delle performance economiche e finanziarie dei costruttori di serramenti metallici e di facciate continue, sia per quanto attiene la redditività, sia per la produttività e la solidità finanziaria.
 
Il trend 2020, al netto dell’emergenza Coronavirus, sembrava essere positivo e lasciava ipotizzare un ritorno, nel giro di due anni, a valori molto vicini a quelli ante-crisi.
 
UNICMI ipotizzava una crescita per il 2020 del mercato dei serramenti metallici nell’ordine del 3% e per le facciate continue del 4.5%. Per entrambi i mercati era, inoltre, possibile fornire un outlook neutro per il 2021, con tassi di crescita che potevano essere allineati a quelli riscontrati nel 2019.
 
Tuttavia, i modelli statistici utilizzati per elaborare le previsioni contenute nel Rapporto non hanno tenuto in considerazione gli effetti dell’epidemia di Coronavirus e gli effetti delle misure di contenimento che hanno effetti diretti sulla crescita di alcuni settori e effetti indiretti sulla crescita economica.
 
Il clima di incertezza economica si riflette sulle performance delle aziende e quindi dei mercati finanziari, questo genera una contrazione della spesa per gli investimenti, che, con un ritardo di 4-6 mesi, porta al rallentamento nel settore delle costruzioni.
 
 

Effetti coronavirus: gli scenari 2020 per finestre e facciate

UNICMI, ipotizzando che le misure di contenimento interessino il periodo gennaio-marzo, stima l’impatto sulla contrazione della crescita tra il 10% e il 15% in termini annuali. Per cui la crescita nominale attesa degli investimenti nel settore delle costruzioni potrebbe passare dal 2,4% al 2,1% nel 2020.
 
In particolare, la crescita del mercato delle finestre metalliche scenderebbe dall’1,6% all’1,36% e quelle delle facciate dal 4% al 3,4%.
 
Si tratta, però, di stime provvisorie che dovranno essere riviste quando saranno disponibili i dati preliminari relativi al primo quadrimestre del 2020. Bisogna considerare che in ipotesi di prolungamento delle misure di contenimento potrebbero essere pesanti ed arrivare fino all’azzeramento della crescita prevista.
 
Secondo UNICMI, per mitigare gli effetti negativi di questa crisi e sostenere il mercato bisognerà puntare maggiormente sugli incentivi fiscali, attraverso un loro forte potenziamento nella percentuale di detrazione.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il Coronavirus stravolge il lavoro. Come uscirne? Partecipa