Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
LAVORI PUBBLICI

Edilizia scolastica, 12,7 milioni di euro per interventi urgenti

di Paola Mammarella

Le risorse andranno agli Enti locali per riparare i danni causati da eventi calamitosi e altre emergenze

Vedi Aggiornamento del 25/06/2020
Commenti 5580
Foto: vaitekune©123RF.com
08/04/2020 – Oltre 12,7 milioni di euro finanzieranno interventi per la riparazione dei danni causati da calamità naturali e altre emergenze, come il crollo dei solai, nelle scuole. Le risorse sono state assegnate dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) agli enti locali che ne hanno fatto richiesta.
 

Edilizia scolastica, 12,7 milioni agli Enti locali

Tra gli interventi finanziati ci sono:
- 69 lavori su altrettante scuole della Città Metropolitana di Venezia, danneggiate dall’alluvione di novembre;
- interventi sull’istituto presente nel Comune di Leni, che ospiterà gli studenti quando non potranno raggiungere la scuola di Lipari anche a causa del maltempo;
- la riparazione del solaio crollato nella scuola di Bosa (OR);
la riparazione dei danni causati dalle violente piogge dello scorso autunno in 9 istituti secondari di II grado della Città Metropolitana di Roma.
 

Edilizia scolastica, Miur: ‘nessuno deve rimanere indietro’

“Nonostante le attività straordinarie legate all’emergenza sanitaria attuale, l’attività ordinaria del Ministero non può e non deve fermarsi – sottolinea in una nota la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina -. Le esigenze delle scuole non sono scomparse con la chiusura degli istituti. Il nostro impegno per non lasciare indietro nessuno, in questo momento, è concentrato soprattutto sulla fornitura agli studenti di dispositivi digitali e connessioni per poter effettuare la didattica a distanza. Ma bisogna pensare anche al dopo, a quando si tornerà sui banchi e sarà quindi necessario accogliere nuovamente i nostri ragazzi in ambienti sicuri”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui