Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, quando è agevolabile la ventilazione meccanica controllata
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, quando è agevolabile la ventilazione meccanica controllata
PROFESSIONE

600 euro per i professionisti, ne hanno diritto anche i neo-iscritti?

di Rossella Calabrese

Il Ministero del Lavoro spiega che il requisito reddituale fa riferimento al ‘reddito complessivo’

Vedi Aggiornamento del 26/08/2020
Commenti 7664
Foto: racorc©123rf.com
22/04/2020 - L’indennità di 600 euro destinata ai professionisti iscritti alle Casse di Previdenza private spetta anche a chi si è iscritto nel 2019 o nel 2020? A questa FAQ ha risposto il Ministero del Lavoro.
 
Il Ministero ricorda che - come previsto dal DI 28 marzo 2020, attuativo dell’articolo 44 del DL Cura Italia - l’indennità di 600 euro è riconosciuta a colori i quali:
 
a) abbiano percepito, nell’anno di imposta 2018, un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro, al lordo dei canoni di locazione assoggettati a tassazione, la cui attività sia stata limitata a causa dei provvedimenti restrittivi adottati in conseguenza dell’emergenza epidemiologica;
 
b) abbiano percepito, nell’anno di imposta 2018, un reddito complessivo tra 35.000 euro e 50.000 euro, al lordo dei canoni di locazione assoggettati a tassazione, e abbiano ridotto, cessato o sospeso la loro attività autonoma o libero-professionale in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
 

600 euro per i professionisti, il ‘reddito complessivo’

Il parametro reddituale in base al quale verificare la sussistenza del diritto alla richiamata indennità - spiega il Ministero - è rappresentato, dunque, dal ‘reddito complessivo’ percepito per l’anno di imposta 2018; pertanto, tale reddito può non coincidere con il solo reddito derivante dall’esercizio della professione.
 
Ne consegue - continua la risposta - che l’indennità potrà essere riconosciuta anche a quei lavoratori autonomi e professionisti che, in quanto iscritti agli enti previdenziali di appartenenza durante l’anno 2019 o nei primi mesi del 2020, non possano vantare per l’anno di imposta 2018 un reddito derivante dall’esercizio della professione.
 
Ciò a condizione che gli stessi abbiano percepito, in quello stesso anno, un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro o compreso tra i 35.000 e i 50.000 euro (in presenza, chiaramente, degli altri requisiti prescritti dalla legge).

Pertanto, nulla osta alla concessione del beneficio anche ai neo-iscritti che non abbiano maturato reddito professionale nel 2018, purché abbiano un reddito da lavoro complessivo entro i limiti indicati dal DI del 28 marzo 2020 - conclude il Ministero.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati