Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
MERCATI Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
PROGETTAZIONE

Reggia di Caserta, bando Invitalia per il rilievo del parco

di Alessandra Marra

Oltre 500 mila euro per il rilevamento topografico. Potranno partecipare ingegneri e architetti con esperienza pregressa documentata

Vedi Aggiornamento del 29/07/2020
  Commenti 12043
Foto: Leonid Andronov 123RF.com
26/05/2020 – Invitalia ha pubblicato un bando di gara per l’affidamento del servizio di rilevamento e di censimento del Parco Reale e del Giardino Inglese della Reggia di Caserta.

Il bando ha un importo di 522.567,78 euro. Il criterio di aggiudicazione è quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Le offerte possono essere inviate entro le ore 11:00 del 23 giugno 2020

Consulta il bando completo
 

Reggia di Caserta: cosa prevede il bando di rilevamento

Il bando ha l’obiettivo di restituite l’esatta cognizione del patrimonio arboreo e vegetale, delle architetture e degli impianti del Parco Reale attraverso rilievi topografici.
 
Le attività comprese nell’appalto, infatti, sono finalizzate all’acquisizione di dati atti a fornire una base conoscitiva digitale georeferenziata del Parco Reale, in particolare del Giardino inglese, ad un’adeguata scala di rappresentazione estesa a tutti gli elementi costitutivi (assetto del terreno, perimetro, edifici principali e secondari, costruzioni accessorie e manufatti, confini, recinti e recinzioni, accessi, canalizzazioni, ecc.).  
 
Tra le prestazioni richieste ci sono: rilievo topografico del Parco e del Giardino Inglese, rilievo architettonico e degli impianti, redazione di una mappa catastale generale di tutti gli immobili del Parco e di quelli con esso confinanti, elaborazione dei dati ottenuti dai rilievi per il loro inserimento nel SIT e censimento arboreo e arbustivo.
 
 

Bando per la Reggia di Caserta: i requisiti dei professionisti

Considerate le prestazioni richieste, l’operatore economico dovrà garantire la presenza di figure professionali specialistiche come:
- Architetto specialista in Restauro dei Monumenti con esperienza documentata in Parchi e/o Giardini storici
- Architetto, Ingegnere o tecnico abilitato, responsabile del servizio di rilevamento con esperienza nel rilevamento topografico in siti di interesse culturale a scala territoriale
- Ingegnere abilitato, responsabile della ricostruzione del percorso degli impianti tecnici con particolare riferimento agli impianti idraulici storici, e con esperienza pregressa documentata
- Agronomo esperto in arboricoltura urbana, con esperienza documentata in Parchi e Giardini storici
- Professionista esperto di Sistemi Informativi territoriali nell'ambito dei Beni Culturali.
 
Il bando, quindi, oltre a prevedere specifiche specializzazioni, richiede in molti casi esperienza pregressa documentata in contesti similari.  
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati