Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA

Bonus facciate, chi decide se l’edificio ha diritto alla detrazione?

di Paola Mammarella

Dall’Agenzia delle Entrate chiarimenti sull’ubicazione in zona A o B e assimilate

Vedi Aggiornamento del 09/09/2020
Commenti 101790
Foto: Albert-Karimov©123RF.com
15/06/2020 – La detrazione fiscale del 90% per il ripristino o il restauro delle facciate spetta agli edifici situati nelle zone A o B o ad esse assimilate. Ma chi deve attestare la classificazione della zona per decidere se l’intervento può ottenere il bonus facciate? Spetta all’ente pubblico o l’attestazione può essere redatta anche da un libero professionista iscritto all’Albo?
 
Questo dubbio è stato sciolto dall’Agenzia delle Entrate con la risposta 182/2020.
 

Bonus facciate nelle zone A e B

La normativa sul bonus facciate prevede che possono accedere alla detrazione 90% gli  edifici esistenti, o parti di essi, di qualsiasi categoria catastale, compresi quelli strumentali, che sorgono nelle zone classificate dagli strumenti urbanistici come A o B ai sensi del DM 1444/1968.
 
Le zone A sono le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessi.
 
Le zone B sono le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, diverse dalle zone A. Si considerano parzialmente edificate le zone in cui la superficie coperta degli edifici esistenti non sia inferiore al 12,5% (un ottavo) della superficie fondiaria della zona e nelle quali la densità territoriale sia superiore ad 1,5 mc/mq.
 
SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS FACCIATE
 
 

Bonus facciate nelle zone assimilate alle A e B

La normativa chiarisce che possono accedere al bonus facciate anche gli edifici situati nelle zone assimilate a quelle classificate come A e B. Un chiarimento utile dal momento che ci sono Comuni in cui gli strumenti di piano non fanno riferimento a zone A e zone B.
 
Questa assimilazione, come spiegato nella circolare attuativa dell’Agenzia delle Entrate, deve risultare dalle certificazioni urbanistiche rilasciate dagli enti competenti.
 
Dalla formulazione della circolare e dalla norma primaria che ha istituito il bonus facciate (Legge di Bilancio 2020), ribadisce l’Agenzia delle Entrate nella risposta, emerge quindi che a redigere la certificazione deve essere un ente pubblico, mentre questa possibilità è preclusa ai professionisti.
 

Bonus facciate, sconto in fattura e cessione del credito

Le regole per ottenere il bonus facciate stanno per cambiare. Il Decreto Rilancio, in fase di conversione in legge alla Camera, ha introdotto la possibilità per i contribuenti di optare per lo sconto in fattura e cessione del credito invece che fruire direttamente della detrazione fiscale. 

Questa nuova possibilità dovrebbe dare nuovo impulso ai lavori, bloccati per molto tempo dal lockdown e dalla crisi economica.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati