Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110% anche per demolizioni e ricostruzioni e per tutte le seconde case
NORMATIVA Superbonus 110% anche per demolizioni e ricostruzioni e per tutte le seconde case
NORMATIVA

Ecobonus e sismabonus valgono per tutti gli immobili d’impresa

di Alessandra Marra

L’Agenzia delle Entrate si adegua alla Cassazione: nessuna limitazione alla categoria catastale del bene e per titolari di reddito d’impresa

Vedi Aggiornamento del 02/07/2020
Commenti 32296
Foto: ahfotobox ©123RF.com
29/06/2020 – Ecobonus e sismabonus si possono applicare anche agli immobili di imprese e società di costruzione e locazione, a prescindere dalla loro qualificazione, quindi anche agli immobili “strumentali”, “merce” o “patrimoniali”.
 
A stabilirlo l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 34/2020, in cui ritratta quanto sostenuto in precedenza in due documenti di prassi e si allinea all'indirizzo della Corte di Cassazione (senzenza 29164/2019)
 

Ecobonus: la storia dell’applicabilità del bonus  

Riguardo all’ecobonus, con la risoluzione 303/2008, l’Agenzia aveva circoscritto l’applicabilità dell’agevolazione, escludendo le società di costruzione e ristrutturazione edilizia che avessero eseguito interventi di riqualificazione energetica su immobili merce, costituenti “l’oggetto dell’attività esercitata e non cespiti strumentali”.
 
Con la Risoluzione 340/2008, invece, aveva negato il riconoscimento del beneficio per gli interventi realizzati da società esercenti attività di pura locazione su immobili destinati alla locazione abitativa, in quanto costituenti anch’essi immobili “oggetto dell’attività esercitata e non cespiti strumentali”.
 
La motivazione di una tale circoscrizione era motivata dal fatto che la norma madre avrebbe voluto “promuovere il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici esistenti attraverso un beneficio da riferire esclusivamente agli utilizzatori degli immobili oggetto degli interventi e non anche ai soggetti che ne fanno commercio”.
 
 
In tempi recenti, però, è intervenuta la Corte suprema con una serie di sentenze di parere diverso, affermando che la ratio della legge consiste nella volontà di incentivare gli interventi di miglioramento energetico dell’intero patrimonio immobiliare nazionale, in funzione della tutela dell’interesse pubblico a un generalizzato risparmio energetico.
 
Infatti, la Corte ha osservato che la distinzione tra “immobili strumentali”, “immobili merce” e “immobili patrimonio” incide solo sul piano contabile e fiscale e non propone alcuna distinzione oggettiva in riferimento agli immobili agevolabili.
 

Ecobonus e sismabonus: nessuna limitazione all’applicabilità

Aderendo a questi principi, quindi, le Entrate sottolineano che non vi è alcuna limitazione, né di tipo oggettivo (con riferimento alle categorie catastali degli immobili), né di tipo soggettivo (riconoscendo il bonus alle persone fisiche, non titolari di reddito d’impresa, e ai titolari di reddito d’impresa, incluse le società) alla generalizzata operatività della detrazione d’imposta.
 
Tale estensione vale anche per il sismabonus, le cui condizioni di accesso sono le stesse dell’ecobonus.
 
Di conseguenza, i due regimi possono essere accomunati sotto il profilo della agevolabilità degli interventi eseguiti da titolari di reddito di impresa su immobili posseduti o detenuti, a prescindere dalla loro destinazione, tenuto conto delle finalità di interesse pubblico al risparmio energetico e anche alla messa in sicurezza di tutti gli edifici.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Edilizia, Superbonus 110%, Semplificazioni. Quali sono le misure più urgenti? Leggi i risultati