Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110% anche per demolizioni e ricostruzioni e per tutte le seconde case
NORMATIVA Superbonus 110% anche per demolizioni e ricostruzioni e per tutte le seconde case
NORMATIVA

Superbonus 110%, partita aperta su sconto in fattura e cessione del credito

di Paola Mammarella

Allo studio proposte di modifica al Decreto Rilancio per rendere queste opzioni più fluide e convenienti per i fornitori

Vedi Aggiornamento del 02/07/2020
Commenti 115271
Foto: glowonconcept ©123RF.com
12/06/2020 – Il superbonus 110%, in arrivo con il Decreto Rilancio, metterà in moto i lavori dopo il periodo di fermo forzato causato dall’emergenza Coronavirus. Questo è l’obiettivo della misura, che però deve vincere due scogli: la liquidità delle famiglie e delle imprese, ma anche i potenziali intoppi che si annidano nei meccanismi di cessione del credito e sconto in fattura.
 
Per questi motivi, le forze politiche hanno segnalato una serie di emendamenti al ddl di conversione del DL Rilancio. Le proposte sono all’esame della Commissione Bilancio della Camera.
 

Sconto in fattura e cessione del credito nel Decreto Rilancio

In base al Decreto Rilancio, il contribuente che realizza i lavori, invece di usufruire della detrazione fiscale, può optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito. Nel primo caso, il fornitore anticipa l’importo dei lavori, ma poi recupera il 110% sotto forma di credito di imposta da utilizzare direttamente o cedere ad altri operatori, comprese banche e intermediari finanziari. Nel secondo caso avviene invece la trasformazione della detrazione in credito di imposta da cedere a fornitori, banche e altri intermediari finanziari.
 
Queste opzioni sono consentite, oltre che per gli interventi agevolati con il superbonus, anche per gli altri lavori di recupero del patrimonio edilizio agevolati con il bonus ristrutturazioni, di efficientamento energetico agevolati con l’ecobonus tradizionale, di installazione di impianti fotovoltaici e installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.
 
La misura da una parte è interessante perché consente ai fornitori di ottenere un credito di imposta maggiore delle spese sostenute, ma dall’altra deve fare i conti con la crisi di liquidità delle imprese che spesso, a causa delle loro piccole dimensioni e delle difficoltà economiche, non hanno la capienza fiscale sufficiente per sfruttare il bonus.
 

Sconto in fattura e cessione del credito, le proposte di modifica

Per far fronte alle difficoltà, che già in passato hanno sbarrato la strada allo sconto in fattura, i gruppi politici hanno presentato delle proposte per rendere queste opzioni più vantaggiose.
 
Alcuni tra gli emendamenti segnalati propongono di consentire la cessione credito anche alle compagnie assicurative, aumentando il panorama di soggetti coinvolti e delle offerte sul mercato.
 
Per rendere i meccanismi più snelli, è stata proposta la cessione frazionata e la possibilità di operare più cessioni successive, mentre per rendere gli strumenti fruibili anche dagli operatori con minore capienza fiscale, è stata chiesta la possibilità di utilizzare negli anni successivi o chiedere a rimborso la quota di credito di imposta non utilizzata nell’anno.
 
Spicca inoltre la proposta di aumentare di 10 punti percentuali le detrazioni previste per il recupero del patrimonio edilizio, l’efficienza energetica, l’adozione di misure antisismiche, il recupero o restauro della facciata, l’installazione impianti fotovoltaici e l’installazione colonnine di ricarica. A beneficiarne sarebbero i fornitori che eseguono i lavori. La maggiorazione del credito di imposta spettante coprirebbe gli oneri amministrativi e bancari connessi alla cessione del credito d’imposta maturato.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Antonino

la Circolare n 36/E del 31 Maggio 2007 dice che "In relazione ad alcune tipologie di interventi, inoltre, sulla base di quanto si deduce dalle disposizioni concernenti la certificazione energetica degli stessi, si rende necessario che gli edifici presentino specifiche caratteristiche quali, ad esempio: 1. essere gia' dotati di impianto di riscaldamento, presente anche negli ambienti oggetto dell'intervento, per quanto concerne tutti gli interventi agevolabili, ad eccezione della installazione dei pannelli solari;". "L’acquisto e l’installazione di un impianto fotovoltaico non rientra nel cosiddetto Ecobonus 2020, cioè il bonus del 65% previsto per gli interventi di riqualificazione energetica. Infatti l’Agenzia delle Entrate (con la Risoluzione n. 207/08) ha chiarito che tale agevolazione riguarda le spese finalizzate al contenimento dei consumi energetici, mentre quelle relative all’installazione di pannelli solari hanno il diverso fine principale di produrre energia pulita."(cit) Ne deduco in merito al nuovo Ecobonus al 110% di detrazione, che se nell'unità abitativa come dicevo si è sprovvisti di impianto di riscaldamento, non solo non si potrà effettuare nessuno degli interventi trainanti (cappotto termico o sostituzione di impianto termico o caldaia) ma anche che in base alla sopra citata risoluzione dell' Agenzia delle Entrate (n.207/08), e che quindi anche gli interventi secondari assimilabili come il fotovoltaico o i sistemi di accumulo, non potranno godere della detrazione al 110% (specialmente se realizzati da soli rientrerebbero nel generico bonus ristrutturazioni al 50%). Ma tutto ciò varrà per qualsiasi impianto fotovoltaico, oppure si potrà usufruire dell'ecobonus al 110% installando un impianto che non produca solamente energia elettrica, ma ad esempio anche acqua calda sanitaria da utilizzare anche per fare e novo un impianto di riscaldamento (c.d. solari termici combinati)? Ed in questo caso poi sarebbe possibile abbinare insieme a questo impianto fotovoltaico anche un intervento trainante come l'installazione di pompa di calore o il Cappotto termico al 110% pur non essendovi, ripeto, in precedenza alcun impianto di riscaldamento nell'unità abitativa?


x Sondaggi Edilportale
Edilizia, Superbonus 110%, Semplificazioni. Quali sono le misure più urgenti? Leggi i risultati