Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, ecco il Decreto Requisiti Tecnici
NORMATIVA Superbonus 110%, ecco il Decreto Requisiti Tecnici
NORMATIVA

Climatizzatori, da Aicarr il protocollo per limitare la diffusione del Covid-19

di Paola Mammarella

Spiegate le azioni di manutenzione e sanificazione da compiere sulle sezioni degli impianti in base alla destinazione degli edifici in cui si trovano

Vedi Aggiornamento del 06/08/2020
Commenti 4239
Foto: kwangmoo©123RF.com
31/07/2020 – Gestione e manutenzione degli impianti di climatizzazione e ventilazione per ridurre il rischio da diffusione del Covid-19. È l’obiettivo del protocollo redatto dall’Associazione italiana condizionamento dell’aria, riscaldamento e refrigerazione (Aicarr).
 
Il protocollo, rivolto agli operatori del settore, suddivide le tipologie impiantistiche presenti negli edifici e le loro specificità in base alla destinazione d’uso e offre indicazioni sulle strategie di pulizia e disinfezione degli impianti, aggiuntive rispetto alle operazioni di manutenzione e gestione ordinaria.
 
Il documento, precisa Aicarr, si basa sulle evidenze scientifiche sul Coronavirus ed è quindi aperto ad eventuali aggiornamenti che dovessero risultare necessari.
 

L’importanza della ventilazione naturale

Stando alle evidenze scientifiche, Aicarr sottolinea che la ventilazione naturale è considerata una buona pratica per la riduzione del rischio.
 
In presenza di impianti di ventilazione meccanica, Aicarr consiglia azioni per massimizzare la quantità di aria esterna immessa.
 

Impianti di climatizzazione e destinazione degli edifici

Aicarr spiega che non è sufficiente considerare le differenti tipologie impiantistiche, ma è necessario valutare il contesto in cui l’impianto deve operare, in base alla destinazione d’uso dell’edificio in cui si trova e alla durata delle attività che vi si svolgono.
 
Il documento suddivide le tipologie di edifici in residenziale, grande distribuzione, ristorazione, industriale, terziario, edifici adibiti ad attività sportive, strutture ricettive, cinema e teatri, edifici scolastici. Per ognuna sono evidenziate le criticità, come l’impossibilità di accedere alla ventilazione naturale.
 
Per quanto riguarda le tipologie impiantistiche, Aicarr annovera gli impianti a tutta aria, gli impianti misti a aria primaria, i terminali.
 
Oltre agli interventi di manutenzione ordinaria, Aicarr consiglia degli interventi aggiuntivi a seconda che gli impianti si trovino in edifici chiusi da più o meno di 30 giorni, in cui i batteri abbiano quindi avuto la possibilità di proliferare.
 

Impianti di climatizzazione, pulizia e disinfezione

Aicarr individua quattro fasi: l’ispezione visiva, che permette di accertare lo stato igienico del sistema, l’analisi tecnica, attraverso cui si effettua una valutazione dei rischi per gli operatori e per il sistema, la bonifica del sistema, effettuata dal manutentore, e l’analisi tecnica post-intervento, in cui si valuta il risultato raggiunto con l’intervento.
 
La disinfezione dell’intero impianto dovrà essere svolta dopo l’intervento di pulizia. Per semplificare il processo, Aicarr schematizza le azioni da compiere sulle diverse sezioni dell’impianto.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui