Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
FOCUS

Pavimento in laminato: bello da vedere, facile da posare

di Rosa di Gregorio

Buon rapporto qualità/prezzo, varietà estetica, resistenza, semplicità di posa e di manutenzione fanno del laminato una scelta molto apprezzata per rinnovare il pavimento della propria casa

Vedi Aggiornamento del 03/09/2020
Commenti 8463
Foto: dotshock©123RF
07/08/2020 - Ristrutturare casa non vuol dire solo fare demolizioni e ricostruzioni. Si può intervenite dando un tocco di novità anche senza ingombranti lavori, per esempio agendo solo sulle finiture, dando una rinfrescata alle pareti, sostituendo le porte interne o sovrapponendo un nuovo pavimento al vecchio.

Tra i diversi pavimenti che si possono posare in sovrapposizione, quello più adatto è il pavimento in laminato. La facilità di posa di questo pavimento, lo ha reso molto usato anche nell’ambito del fai da te. La posa è flottante, cioè avviene senza l’uso di colle e adesivi, ma semplicemente tramite incastri maschio femmina, tanto che è anche usato anche per decorare pareti e soffitti.

Il laminato è spesso confuso con il parquet, ma sono due materiali molto differenti tra di loro. In realtà, il laminato è un prodotto creato proprio per imitare il parquet; oggigiorno in commercio si trovano doghe di laminato che simulano perfettamente sia la finitura che le varie lavorazioni del parquet. Alla vista, talvolta è difficile capire se ci si trova davanti ad un laminato o ad un parquet, dubbio che viene chiarito non appena si tocca il materiale, anche solo camminandoci su. Il laminato è essenzialmente un materiale plastico, quindi privo del calore, del carattere materico e del buon odore che connota un pavimento in legno.

Ma il laminato rappresenta un ottimo connubio qualità/prezzo. Infatti, ai costi contenuti si aggiungono altre caratteristiche quali la resistenza all’usura, la varietà estetica, inalterabilità alla luce, la semplicità di posa e di manutenzione.

 Foto: ©SKEMA SRL


Pavimento in laminato, la stratigrafia

Il laminato è costituito da vari strati di diversi materiali, dal basso verso l’alto si avrà:
1) strato di contro bilanciatura, per stabilizzare il pavimento;
2) pannello in HDF (High Density Fibreboard) o MDF (Medium Density Fibreboard), pannello in fibra di legno e resina, che corrisponde alla parte resistente del laminato, l’HDF è maggiormente resistente dell’MDF;
3) foglio decorativo melamminico, che riproduce la texture del materiale;
4) strato finale, un film protettivo molto resistente, impermeabile e trasparente, che funge da protezione contro l’usura dovuta all’abrasione, al calpestio e allo strofinamento.

Questi strati sono tenuti assieme mediante pressofusione; la pressatura può essere doppia o singola:
- con la doppia pressatura si ottiene il laminato Hpl (High pressure laminated). La doppia pressatura garantisce una miglior compattezza degli elementi e quindi maggiori stabilità e durata;
- con la singola pressatura si ottiene il Dpl (Direct pressure laminate), è più economico ma meno resistente.
 
Lo spessore di ogni doga oscilla dai 7 ai 12 mm, quello più usato è di 8 mm.

Le classi di resistenza all'abrasione, (AC - Abrasion Class), del pavimento laminato sono normate dalla EN 13329/00.
Quelli di classe AC1, AC2 e AC3, sono indicati per l’impiego in ambito residenziale, nello specifico la classe di resistenza cresce a seconda che l’utilizzo sia moderato, medio o pesante, pertanto, un AC1 è indicato nelle camere da letto, un AC2 nella zona notte e giorno, un AC3 per ingresso, cucine e scale. La classe AC3 è usata anche in ambito commerciale ma questa volta con ambienti ad uso moderato, mentre per utilizzi medi e pesanti in ambito commerciale si utilizzano l’AC4 e l’AC5.

 Foto: ©TARKETT


Pavimento in laminato, cosa sapere

Bisogna sapere che il laminato:
- non essendo incollato ma posato con posa flottante potrebbe dare origine a un certo rumore al calpestio, maggiore rispetto ad altre soluzioni;
- essendo formato da strati che sono tenuti assieme da resine termoindurenti per pressofusione soffre le temperature eccessive, quindi se si vuole posare su un impianto radiante a pavimento andranno adottate delle precauzioni;
- essendo completamente impermeabile non è traspirante. I punti di giunzione sono i più vulnerabili all’infiltrazione dell’acqua, che se dovesse avvenire comprometterebbe le doghe; la soluzione al problema sono una serie di accessori studiati ad hoc per la posa del laminato
- non essendo un parquet, non va pulito come se lo fosse. Per la pulizia e la manutenzione ordinaria è sufficiente eliminare la polvere, usare un panno morbido inumidito (non grondante di acqua) e un detergente neutro o specifico per il laminato


Acquista pavimenti in laminato su Edilportale Shop!


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa