Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
MERCATI Superbonus e bonus facciate, come è andata finora
NORMATIVA

Superbonus 110% anche per le dimore storiche aperte al pubblico

di Paola Mammarella

Il Decreto Agosto semplifica anche l’iter per l’approvazione degli interventi nelle assemblee condominiali

Vedi Aggiornamento del 08/03/2021
  Commenti 10807
Foto: Massimo Parisi©123RF.com
25/08/2020 – Cresce il raggio d’azione del Superbonus 110%. In base al Decreto “Agosto” (DL 104/2020), la detrazione maggiorata, riconosciuta agli interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza antisismica, sarà estesa alle dimore storiche aperte al pubblico.
 

Superbonus per le dimore storiche aperte al pubblico

Il Decreto Rilancio (DL 34/2020, convertito nella Legge 77/2020), che ha istituito il Superbonus 110%, ha escluso dalla detrazione maggiorata gli immobili rientranti nelle categorie catastali A1 (Abitazioni di tipo signorile), A8 (Abitazioni in ville) e A9 (Castelli e palazzi di eminenti pregi artistici o storici).
 
Il Decreto “Agosto” cambia le carte in tavola e stabilisce che potranno ottenere il Superbonus gli immobili in categoria catastale A9, a condizione che siano aperte al pubblico.
 
Restano quindi escluse dal Superbonus 110% tutte le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A1 e A8 e quelle in categoria A9 non aperte al pubblico.
 

Superbonus, l’impatto dell’estensione alle dimore storiche

L’obiettivo della norma è stimolare il maggior numero possibile di lavori, rendendo più vivibili e sicure le unità immobiliari aperte al pubblico. Le dimore storiche potrebbero in molti casi essere sottoposte ai vincoli previsti dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (Dlgs 42/2004).
 
Sugli edifici vincolati, lo ricordiamo, è possibile ottenere il Superbonus 110% non solo per gli interventi trainanti (cappotto termico, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale e messa in sicurezza antisismica), ma anche per tutti gli interventi di riqualificazione energetica, già agevolati con l’ecobonus, anche se non eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti.
 
Se confermata anche in fase di conversione in legge, l’estensione prevista dal Decreto “Agosto” potrebbe avere un impatto notevole.
 

Superbonus, assemblee condominiali semplificate

Per stimolare maggiormente la domanda di lavori in condominio, il Decreto “Agosto” semplifica l’iter di approvazione.
 
Il Decreto prevede che le delibere dell’assemblea condominiale, riguardanti gli interventi agevolati con il Superbonus, possano essere approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno un terzo del valore dell'edificio.
 
Si tratta di una semplificazione dato che, per le altre delibere, il Codice Civile richiede che i voti rappresentino almeno i due terzi del valore dell'edificio. Anche questa novità, per diventare operativa, dovrà essere confermata in sede di conversione in legge.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Leggi i risultati