Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto, dal 1° novembre via il tetto del 50%
NORMATIVA Subappalto, dal 1° novembre via il tetto del 50%
AZIENDE

Le opportunità del superbonus 110% con RAVATHERM™ XPS X

di Ravago Building Solutions

Massima efficienza energetica a lungo termine

01/09/2020 - È stata pubblicata nei giorni scorsi la Guida al Superbonus 110% con cui l’Agenzia delle Entrate fornisce indicazioni anche sulle agevolazioni dedicate al miglioramento energetico e sismico degli edifici, illustrando una serie di casi pratici per spiegare l’applicazione delle detrazioni e delle nuove misure.

Una delle parole chiave dell’incentivo, rivolto al settore edile, è riqualificazione energetica e tra le opere edili che potranno beneficiare del Superbonus sono inclusi interventi di ristrutturazione, definiti “trainanti”, che riguardano l’isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate con un'incidenza superiore al 25% della superficie e che garantiscono il miglioramento di almeno due classi energetiche o il conseguimento della classe energetica più alta.
 
Grazie al Superbonus 110% quindi le case degli italiani potranno diventare meno energivore, più sostenibili e più confortevoli. Una mission perseguita anche da Ravago Building Solutions, leader in Europa nella produzione di soluzioni in XPS per l’isolamento termico e partner Casa Clima, che ha sviluppato una gamma di soluzioni per riqualificare gli edifici migliorando l’efficienza energetica.
 
RAVATHERM™ XPS X (polistirene espanso estruso) di Ravago Building Solutions isola fino al 20% in più rispetto alla media degli altri estrusi (a parità di spessore) e utilizza per la sua produzione solo agenti espandenti naturali. Oltre alla migliorata resistenza termica presenta un’elevata resistenza alla compressione e all’umidita`, sul lungo periodo, favorendo un’installazione semplice e sicura per rispondere alle specifiche esigenze di progettisti e imprese.
 
Le soluzioni RAVATHERM™ XPS X, in corso di certificazione CAM, consentono di formare una barriera isolante continua – dalle pareti esterne con il cappotto ai tetti piani o a falde – che assicura il massimo comfort abitativo e prestazioni garantite nel tempo.
 
NON SOLO CAPPOTTO, L’ISOLAMENTO PASSA ANCHE DAL TETTO
Una parte delle dispersioni termiche dell’edificio si verifica attraverso le pareti, che possono essere isolate con RAVATHERM™ XPS X ETICS B, prodotto specifico dall’alto potere isolante anche a bassi spessori per pareti e in particolare per il cappotto, la zoccolatura e i ponti termici.
 
In fase di ristrutturazione è però importante porre grande attenzione anche all’isolamento dei tetti, dove si può registrare fino al 35% di dispersione termica.

Per avere una barriera isolante continua sull’edificio è quindi essenziale provvedere al corretto isolamento delle coperture per mantenere gli ambienti caldi d’inverno e freschi d’estate contenendo così le perdite energetiche dell’edificio con sensibili vantaggi in termini di comfort abitativo.
 
RISTRUTTURAZIONE DI COPERTURE A FALDE
Una copertura, oltre a risultare impermeabile all’acqua e resistente ai carichi (vento, neve, carichi accidentali, ecc.) deve essere isolata termicamente e realizzata in modo tale da prevenire l’insorgere di situazioni termo-igrometriche critiche che possono comportare condensazioni in superficie o negli strati che compongono la copertura stessa.
 
Nelle ristrutturazioni delle coperture la scelta del pannello isolante da applicare avviene in funzione del tipo di struttura e del suo grado di usura.
 
Nei tetti con copertura a falde in legno o laterocemento è possibile intervenire posando un nuovo strato di isolamento termico al di sopra del manto isolante corrente con il recupero delle tegole o dei coppi esistenti.
 
In questo tipo di intervento RAVATHERM™ XPS X 300 SL e RAVATHERM™ XPS X 300 ST rappresentano la soluzione migliore: insensibili all’acqua, resistenti alla diffusione del vapore e alle azioni di vento e gelo, sono dotati di ottima resistenza meccanica e i profili di finitura maschio-femmina consentono di realizzare uno strato isolante continuo senza la formazione di ponti termici e senza che si renda necessaria l’applicazione di una barriera a vapore.
 
I pannelli RAVATHERM™ XPS X 300 ST in polistirene espanso estruso (XPS) di dimensione 2400x600 mm sono disponibili in spessori da 30 a 100 mm con pelle liscia e profilo maschio-femmina sui 4 lati.
 
RAVATHERM™ XPS X 300 SL è invece disponibile nella dimensione 1250x600 mm, con pelle liscia e profilo battentato a scalino sui 4 lati, spessore da 30 a 200 mm.
 
Offrono un’ottima capacità termoisolante con una conducibilità termica a partire da λ 0,030 W/mK e sono resistenti al fuoco Euroclasse E. Con resistenza alla diffusione del vapore di μ = 150 evitano la formazione di condensa, sono altamente resistenti alle azioni di gelo e disgelo, all’assorbimento d’acqua e all’invecchiamento; non collassano e non si ritirano grazie a una resistenza a compressione ≥ 300kPa.
 
Nel caso in cui, invece, non sia economicamente vantaggioso o non si renda necessario il rifacimento del manto di copertura si procede con la realizzazione di una controsoffittatura isolante continua, applicando lastre RAVATHERM™ XPS X 300 ST e RAVATHERM™ XPS X ETICS B sulla superficie interna del solaio di copertura.
 
I sistemi di isolamento dall’interno sono solitamente delicati dal punto di vista igro-termico e meccanico e può essere difficoltosa la posa di barriere al vapore e di strati protettivi, ma con le lastre di RAVATHERM™ XPS X 300 ST e RAVATHERM™ XPS X ETICS B si possono realizzare soluzioni di isolamento dall’interno molto semplici.
 
Nei tetti a falde in laterocemento si può incollare RAVATHERM™ XPS X ETICS B sulla superficie di intradosso del solaio di copertura, intonacandolo successivamente ed eventualmente tassellando; mentre nelle strutture in legno è particolarmente indicato l’uso di RAVATHERM™ XPS X 300 ST perché si realizza una semplice controsoffittatura isolante continua, direttamente fissata all’orditura delle travi a mezzo di clips o chiodi.
 
RISTRUTTURAZIONE DI TETTI PIANI
In caso di interventi di risanamento e riqualificazione di tetti piani tradizionali, si può procedere con la realizzazione di un “tetto a due strati rovescio”.
 
Una soluzione ideale, ad esempio, quando l’impermeabilizzazione risulta essere in condizioni adeguate ma l’isolamento termico esistente non soddisfa più i requisiti energetici previsti dalle normative. Adottando il principio della stratificazione invertita è così possibile posare un isolamento termico aggiuntivo con RAVATHERM™ XPS X 300 SL, senza che si proceda alla demolizione dello strato già esistente, migliorando la prestazione energetica dell’edificio e raggiungendo un maggiore livello di comfort e benessere.
 
Nei casi in cui lo stato di usura della membrana impermeabilizzante non consenta il recupero e il risanamento della stratigrafia esistente si può procedere con un intervento più importante con la realizzazione di un tetto piano alla rovescia che vede la membrana impermeabilizzante posta sotto l’isolante: i pannelli in polistirene espanso estruso RAVATHERM™ XPS X 300 SL, grazie alle loro caratteristiche, sono in grado di resistere a sollecitazioni meccaniche, sbalzi di temperatura, azioni di gelo e disgelo, diffusione di vapore acqueo e all’invecchiamento, proteggendo al contempo l’impermeabilizzazione e incrementando di decenni il ciclo di vita e il funzionamento del tetto piano.
 
Ravago Building Solutions Italy su Edilportale.com
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Partecipa