Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
PROFESSIONE Equo compenso dei professionisti, via libera della Camera
NORMATIVA

Abusi edilizi, accessi autonomi, assemblee condominiali, come cambia il Superbonus 110%

di Paola Mammarella

Gli emendamenti al DL Agosto rivedono le definizioni degli interventi e i quorum per le delibere. Nulla di fatto per la proroga oltre il 2021 e gli edifici plurifamiliari con unico proprietario

Vedi Aggiornamento del 17/02/2021
  Commenti 68228
Foto: www.senato.it
05/10/2020 – Il Superbonus 110% cerca di aumentare la sua portata semplificando definizioni poco chiare e snellendo le procedure decisionali. Alcuni emendamenti al Decreto Agosto (DL 104/2020), approvati dalla Commissione Bilancio del Senato, hanno definito come si valuta lo stato legittimo degli immobili plurifamiliari, cosa si intende per “accesso autonomo dall’esterno”, e abbassato le soglie per le delibere condominiali.
 
Nulla di fatto, almeno in questa sede, per la proroga del Superbonus oltre il 2021 e per l’estensione della detrazione maggiorata agli interventi sugli edifici plurifamiliari appartenenti ad un unico proprietario. Si tratta, infatti, di misure che richiedono una copertura economica aggiuntiva e che saranno probabilmente finanziate con le risorse del Recovery Fund.

Superbonus 110% su edifici con irregolarità urbanistiche

Viene inoltre semplificata la presentazione dei titoli abilitativi relativi agli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali. Con gli emendamenti approvati è specificato che le asseverazioni dei tecnici sullo stato legittimo degli immobili plurifamiliari, e i relativi accertamenti, sono riferiti esclusivamente alle parti comuni degli edifici interessati dagli interventi.

Gli emendamenti risolvono ufficialmente i dubbi sulla coesistenza tra Superbonus e irregolarità urbanistiche lievi. Si potranno quindi realizzare gli interventi sulle parti comuni dei condomìni in cui uno o più condòmini abbiano commesso delle irregolarità nei propri appartamenti, a condizione che tali irregolarità non riguardino le parti comuni.

Superbonus 110% e accesso autonomo dall’esterno

Alcuni emendamenti approvati chiariscono che per “accesso autonomo dall’esterno” si intende un accesso indipendente, non comune ad altre unità immobiliari, chiuso da cancello o portone d'ingresso che consenta l'accesso dalla strada o da cortile o giardino anche di proprietà non esclusiva.
 
In questo modo, come annunciato dal Senatore Gianni Pietro Girotto, la norma diventa “più onnicomprensiva possibile” e non rischia di escludere alcune tipologie di immobili che, stando alla definizione letterale di accesso autonomo, non avrebbero potuto beneficiare della detrazione maggiorata pur possedendo tutti i requisiti del caso.
 

Superbonus 110%, le soglie per le delibere condominiali

Per effetto degli emendamenti approvati, per richiedere un finanziamento bancario o per esercitare l’opzione dello sconto in fattura o della cessione del credito, sarà sufficiente la maggioranza di un terzo dei millesimi di proprietà dell’edificio, invece dei due terzi finora richiesti. La procedura si allinea a quella da seguire per la delibera dei lavori agevolati con il Superbonus, che richiede la maggioranza degli intervenuti in assemblea e almeno un terzo del valore dell'edificio.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus e bonus edilizi, come sta andando e cosa prevedi per il futuro? Partecipa