Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato

di Paola Mammarella

Le nuove regole per la demolizione e ricostruzione e la definizione aggiornata di ristrutturazione edilizia

Vedi Aggiornamento del 21/10/2020
Commenti 25415
Foto: olegdudko©123RF.com
01/10/2020 - Le regole per la demolizione e ricostruzione degli edifici e la definizione degli interventi di ristrutturazione edilizia sono cambiate. La Legge 120/2020 di conversione del DL Semplificazioni, entrata in vigore a metà settembre, ha modificato il Testo Unico dell’Edilizia (Dpr 380/2001).
 

SCARICA IL TESTO UNICO DELL’EDILIZIA AGGIORNATO

 

Demolizioni e ricostruzioni con stessa distanza

Gli interventi di demolizione e ricostruzione possono essere realizzati nei limiti delle distanze legittimamente preesistenti nelle aree in cui non è consentita la modifica dell’area di sedime per il rispetto delle distanze minime. Gli ampliamenti volumetrici eventualmente consentiti, possono essere realizzati fuori sagoma o con il superamento dell'altezza massima dell'edificio demolito, nel rispetto delle distanze legittimamente preesistenti.
 

Ristrutturazioni edilizie con sagoma diversa

Sono considerate ristrutturazioni edilizie gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversa sagoma, prospetti, sedime, caratteristiche planivo­lumetriche e tipologiche e le modifiche necessarie all’adozione di misure antisismiche, a garantire l’accessibilità, all’istallazione di impianti tecnologici, all’efficientamento energetico e alla rigenerazione urbana.
 

Semplificazione, i limiti delle zone A

Le novità introdotte dal DL Semplificazioni nel testo Unico dell’Edilizia non valgono nelle zone omogenee A o in quelle assimilabili, nei centri e nuclei storici consolidati e negli ambiti di particolare pregio storico e architettonico. In queste aree, la demolizione e ricostruzione è consentita solo nell’ambito di piani urbanistici di recupero e di riqualificazione particolareggiati, di competenza comunale, mentre la ristrutturazione edilizia deve rispettare la sagoma, i prospetti, l’area di sedime e le caratteristiche planivolumetriche e tipologiche dell’edificio preesistente. Questi limiti non piacciono agli addetti ai lavori.
 

Testo Unico dell’edilizia, il processo di modifica

Le modifiche al Testo Unico dell’Edilizia si sono stratificate negli anni. A inizio 2018 sono partiti i lavori del Tavolo, istituito presso il Consiglio Superiore dei lavori pubblici per la modifica organica della norma.
 
I tecnici del tavolo lo scorso giugno hanno annunciato che il testo sarebbe stato pronto entro luglio. Alcune modifiche sono però confluite nel Decreto Semplificazioni. A breve potrebbero quindi arrivarne altre.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui