Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Resina IPM Italia per le pavimentazioni nelle scuole

Resina IPM Italia per le pavimentazioni nelle scuole

Sicurezza, comfort, estetica ed ecosostenibilità

Resina IPM Italia per le pavimentazioni nelle scuole

03/12/2020 - Scuole materne, scuole primarie e secondarie, scuole professionali, istituti tecnici e Università: cresce esponenzialmente la richiesta di sistemi di pavimentazione specifici e adatti a questo settore, tanto che IPM Italia tra i maggiori player nazionali nella produzione e posa di pavimenti continui in resina per indoor e in graniglia naturale per outdoor nel settore industriale, commerciale e residenziale - è stata coinvolta di recente su numerosi cantieri dislocati su tutto il territorio nazionale. Circa 20.000 metri quadri complessivi di pavimentazioni in resina prodotta e posata nell’ambito dell’edilizia scolastica tra aule, corridoi, mense, spazi indoor e outdoor.
 

Resistenza, prima di tutto
Vantaggio nel rapporto qualità-prezzo e praticità le ragioni di questa scelta. Ma sono molte altre le caratteristiche che rendono questo materiale perfetto per l’uso in questo ambito: su tutte la sua resistenza meccanica e chimica.
 
Cosa si intende per resistenza della resina e relativa classificazione è stabilito dalla norma UNI EN ISO 10874. È questa norma che definisce aree e intensità di utilizzo e fornisce istruzioni per la scelta della classe appropriata di pavimento: le classi sono a loro volta associate a valori numerici che identificano il grado di resistenza del pavimento. Più è alto il valore, più è alta la resistenza.
 
Per il settore scolastico, ambiente fortemente sollecitato da passaggi intensivi e frequenti, non si dovrebbe mai scendere al di sotto della classe 34 commerciale che corrisponde, per l’appunto, a intensità di utilizzo molto pesante - aree ad utilizzo intenso” dichiara Andrea Penati, Amministratore Delegato e Direttore Tecnico di IPM Italia, che prosegue “i sistemi IPM Italia garantiscono massima resistenza e appartenenza alla classe corretta di riferimento per l’edilizia scolastica”.  
 
La sicurezza di un pavimento in resina: antisdrucciolo, igienica, non infiammabile e atossica
Ma la resina è un materiale sicuro? Può essere utilizzato in tutti gli ambienti scolastici? E la manutenzione è semplice o complessa?

Sono tante e differenti le domande di chi deve decidere se affidarsi a un sistema di pavimentazione in resina, per questo cerchiamo di fare chiarezza con Andrea Penati, Amministratore Delegato dell’azienda che da quarant’anni si occupa del settore dei pavimenti in resina: “Uno degli aspetti chiave nella scelta di questo materiale che sottolineiamo di continuo è che, oltre a essere resistente, la resina è sicura. Se opportunamente formulata la resina è un materiale antisdrucciolo, atossico e non infiammabile.
 
Inoltre, è sicura perché permette una pulizia e igienizzazione semplice e veloce: rispetto a una pavimentazione a piastrelle è una pavimentazione continua e senza fughe. Vuol dire che non accumula polvere e sporcizia, risultando facilmente lavabile con acqua e detergente. Inoltre, se additivata con una tecnologia specifica come IPM Sanix che è sviluppata dai laboratori interni IPM Italia, la resina si preserva dalla proliferazione batterica fino al 99%, risultando decontaminabile.”
 
Oltre ad essere igienica, la resina è un materiale inerte: una volta posata e catalizzata è atossica e non rilascia sostanze nocive nell’ambiente, garantendo un ambiente salubre e un’aria indoor priva di sostanze nocive. Importante, anche qui, il ruolo della formulazione, della scelta delle materie prime, di progettazione e posa a regola d’arte: solo così è possibile garantire queste caratteristiche.
 
I pavimenti in resina negli edifici scolastici devono essere rigorosamente antisdrucciolo, come richiesto dalla normativa italiana. Per essere considerata tale, la pavimentazione deve essere sottoposta a test. Secondo la normativa tedesca DIN 51130 che esprime la scivolosità in funzione dell’angolo di scivolamento ed individua gli intervalli “R” per ciascuna destinazione d’uso della pavimentazione, più è alto il rischio di scivolamento maggiore deve essere la classe “R” di appartenenza del pavimento, per limitare al massimo i danni accidentali derivanti da eccessiva scivolosità. Tutti i nostri sistemi sono antisdrucciolo e dotati di certificazione”, prosegue Penati.
 
Anche la sicurezza relativa al comportamento al fuoco è un aspetto importante: la resina è un materiale non infiammabile. Anche qui, la norma EN 13501-1 fornisce la procedura di classificazione in base ai risultati delle prove di reazione al fuoco di tutti i prodotti da costruzione, compresi i pavimenti in resina. Secondo il DM del 15 marzo 2005 (con le modifiche introdotte con il DM del 16 febbraio 2009) i pavimenti ritenuti idonei ad essere installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzioni incendi, come gli edifici scolastici, sono quelli classificati tra la classe A1fL e le classi Bfl-s1 o Cfl-s1: queste sono le uniche classi accettate e ritenute adatte per pavimentare tutti i luoghi adibiti all'insegnamento. Tutti i sistemi IPM Italia rientrano in queste classi di reazione al fuoco.
 
Un occhio all’estetica e al comfort acustico
Non ultimo, la resina è resiliente: ha cioè un certo grado di flessibilità che permette un’azione ammortizzante quando si cammina e un impatto più naturale sul corpo e sulla colonna vertebrale rispetto ai pavimenti duri. Inoltre, si adatta esteticamente agli ambienti in cui viene posata: colori e finiture integrate nel design dell’edificio rendono il pavimento un elemento visivo gradevole, piacevole, coerente e in quanto tale favorevole all’apprendimento. Così come la capacità di fonoassorbenza del materiale: l’isolamento acustico è reso possibile attraverso sistemi modulari che assorbono l'impatto del suono, garantendo il comfort acustico e un minore rumore di calpestio. Se la manutenzione ordinaria viene rispettata correttamente, un pavimento in resina può durare decenni, senza richiedere riparazioni e senza perdere il suo appeal estetico.
 
Green ed ecosostenibilità
Sul fronte innovazione IPM Italia, attiva da quarant’anni nel settore, prosegue senza sosta gli investimenti in ambito Ricerca e Sviluppo per implementare la gamma di soluzioni e sistemi con performance elevate, lungo ciclo di vita e rapidità di posa ma anche di prodotti sempre più all’avanguardia, che includono l'uso di materiali eco-compatibili. Investimento su processi di miglioramento funzionali allo sviluppo, ma sempre nell’ottica della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente, comprovata dall’essere soci del Green Building Council che promuove la cultura dell'edilizia sostenibile.
 
I pavimenti tecnici in resina IPM Italia sono tutti privi di solventi tossici, metalli pesanti, emissione di VOC nocivi: garantiscono così la salubrità dell’ambiente e anche un’attenzione al tema dell’edilizia sostenibile. “Riassumendo, possiamo dire che i vantaggi della resina vanno ben oltre l’essere un materiale pratico e con un ottimo compromesso tra alte prestazioni e rapporto qualità-prezzo. Pur non essendo tutte uguali, se opportunamente formulate con materiali di prima qualità e correttamente prodotta e posata garantiscono standard igienici e di sicurezza elevatissimi”, conclude Andrea Penati.
 
IPM Italia su Edilportale.com
 
Le più lette