Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso e revisione dei parametri, il Codice Appalti secondo i tecnici
NORMATIVA Equo compenso e revisione dei parametri, il Codice Appalti secondo i tecnici

Superbonus 110%, filiera delle costruzioni: ‘subito proroga o strumento azzerato’

Appello unitario al Governo ‘per salvare l’unica misura di rilancio dell’economia in chiave di sostenibilità e messa in sicurezza del territorio’

Vedi Aggiornamento del 11/03/2021
Vedi Aggiornamento del 11/03/2021
15/12/2020 - Il Superbonus al 110% deve essere prorogato subito almeno fino al 2023, altrimenti i condomini e le famiglie non potranno programmare gli interventi necessari per mettere in efficienza e in sicurezza migliaia di edifici.
 
È una grande occasione per far crescere Pil e occupazione in cui tutti devono credere: no ad accordi al ribasso. Inutile invocare la green economy se poi non utilizziamo le risorse e mettiamo in atto degli strumenti necessari per centrare questo obiettivo.
 
È questo l’appello che la filiera delle costruzioni - imprese, artigiani, cooperative, professioni tecniche, società di ingegneria (Ance, Alleanza delle Cooperative, Anaepa Confartigianato, Cna costruzioni, Casartigiani, Claai, Confapi Aniem, Federcostruzioni, Oice e Rete professioni tecniche) - rivolge al Governo preoccupata per il futuro di una delle poche misure di rilancio dell’economia messa finora in campo.
 


Le stime non lasciano dubbi: si tratta di una leva che può generare un giro di affari di 42 miliardi di euro e più entrate per lo Stato per circa 7,5 miliardi di euro oltre a un risparmio netto per le famiglie di 600 euro all’anno solo per i consumi energetici.
 
Tutti benefici economici e quindi occupazionali che rischiano di venire vanificati completamente se la misura avrà durata breve. Impensabile, infatti, che interventi così complessi possano essere iniziati e completati in un anno. Peraltro, le procedure iniziali sono lunghe e farraginose e necessitano dell’efficienza degli archivi comunali che ora sono in tilt.
 
Occorre un lasso temporale congruo, non meno della fine del 2023, per consentire a cittadini e imprese di programmare e realizzare lavori importanti di riqualificazione energetica e di messa in sicurezza sismica.
 
L’auspicio è che già nelle prossime ore venga approvata la proroga all’incentivo così da dare avvio concretamente a migliaia di interventi su edifici e condomini. 
 
Fonte: ANCE
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Sondaggi Edilportale
Energia, edilizia, impianti, progetto: la Renovation Wave è il futuro?
Partecipa
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione